Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Caratterizzazione e valutazione delle proprietà complessanti di materiali a base di ciclodestrina

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Le ciclodestrine: Le CDs sono prodotte per degradazione enzimatica dell'amido, più precisamente dell'amilosio. L'enzima implicato in questo processo è la ciclodestrina glicosil transferasi (CGTase) prodotta da diversi Bacilli (Tabella 1). Tale enzima esplica la sua azione rompendo la struttura elicoidale della macromolecola per dare l'anello ciclico; le spire d'amido vengono poi ricomposte tra di loro tramite un trasferimento di legami dando così luogo a oligoglucosidi a corona [1, 2, 11, 20, 21]. Le ciclodestrine sono anche chiamate cicloamilosio, cicloglucani, ciclomaltoside o destrine da Schardinger. La parola CD è preceduta da una lettera greca che indica il numero di unità di glucosio presenti nell'anello (α corrisponde a 6 unità, β a 7,.... ). La betaciclodestrina o βCD è la più prodotta, la meno cara e la più utilizzata. Le unità di glucosio costituenti le ciclodestrine sono in numero variabile da 6 a 12 conseguentemente alla provenienza dell'enzima CGTase da diverse tipologie di Bacilli. Quello impiegato attualmente per la produzione di CDs è il Bacillus Macerans. Non si osserva la presenza di CDs con meno di 6 unità a causa dell'impedimento sterico e della caratteristica struttura delle spire dell'amido [4]. Tabella 1 : Bacilli produttori di CDs [9,11,19]. Bacillus Macerans Klebsiella Pneumoniae Bacillus Stearothermophilus Bacillus Megaterium Bacillus Circulans Bacillus n° 38-2 La molecola di CD presenta una struttura a tronco di cono piuttosto rigida con gli ossidrili primari del C 6 orientati verso la parte bassa dotata del diametro minore , mentre gli ossidrili secondari dei carboni C 2 e C 3 sono rivolti verso la parte alta del tronco di cono. Internamente trovano posto gli atomi di carbonio, idrogeno e il legame eteroossido (Figura 2).

Anteprima della Tesi di Alessandro Ficarra

Anteprima della tesi: Caratterizzazione e valutazione delle proprietà complessanti di materiali a base di ciclodestrina, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Alessandro Ficarra Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3027 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.