Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela del contribuente nello Statuto dei diritti del contribuente

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Lo Statuto dei diritti del contribuente 11 diritto tributario diventava una categoria fondata a priori sull’appartenenza allo Stato 5 , così condizionando non solo il legislatore ma anche la prassi applicativa e la giurisprudenza 6 . Già nella seconda metà del XIX secolo la Corte di cassazione di Torino stabilì che nell’interpretazione delle norme tributarie doveva applicarsi il principio “in dubio pro fisco”. Successivamente questa ideologia trova espressione in alcuni importanti provvedimenti legislativi: con l’allegato E dalla legge 20 marzo 1865, n. 2248 vennero stabilite limitazioni al sindacato giurisdizionale in materia tributaria, mentre in un secondo momento furono introdotti alcuni istituti peculiari, quali il meccanismo del solve et repete, dell’indennità di mora e la prassi dell’uso dei decreti legge. Questa concezione del diritto tributario è rimasta a lungo nella mente del legislatore e negli stessi funzionari amministrativi, tanto da essere considerata il motivo principale che ha ritardato l’ammodernamento del sistema tributario. 5 La dottrina tedesca sosteneva infatti che nel settore tributario l’Amministrazione si muoveva non al di sotto delle regole giuridiche, ma “auf Grund der Natur des Staates” (al di sotto della natura dello Stato) Le origini di questa concezione risalgono al conflitto costituzionale prussiano, quando il Cancelliere Bismarck programmò delle spese belliche non condivise dal Parlamento, per giustificare l’operato dell’Esecutivo gli studiosi tedeschi qualificarono la legge di bilancio fra gli atti amministrativi di competenza del Governo, il quale poté effettuare queste spese e, al termine delle vittoriose campagne militari, ottenere la ratifica delle spese da parte del Parlamento. 6 Antonini – Intorno alle “metanorme” dello Statuto dei diritti del contribuente, rimpiangendo Vanoni, in Riv. dir. trib. 2001, I, pag. 619.

Anteprima della Tesi di Massimiliano Colognesi

Anteprima della tesi: La tutela del contribuente nello Statuto dei diritti del contribuente, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Massimiliano Colognesi Contatta »

Composta da 315 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11892 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 72 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.