Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela previdenziale del lavoro sportivo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Risulta chiara l’intenzione del legislatore di svincolare l’attività sportiva da ogni sorta di controllo diretto o indiretto dello Stato o altra autorità pubblica. Non esiste alcun dubbio quindi che la ratio legis della legge n. 91/1981 è quella di attuare e realizzare un principio fondamentale sancito nell’articolo 2 della Costituzione: “ la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità”. E’ bene precisare però che in questo caso inviolabile non può significare ”non limitabile”, giacché tutto al contrario la garanzia costituzionale consiste nel definire i casi, i criteri e i modi attraverso cui tali diritti possono essere “violati”, ma l’importante è che essi non vengano eliminati, neppure con legge di revisione costituzionale. Quindi il legislatore può porre comunque dei limiti e confinare tali diritti, come quello, nel caso specifico del libero esercizio dell’attività sportiva, regolandone in specifico le sue strutture, i compiti dei suoi soggetti ed organi, ma, in nessun caso, può opprimere questo diritto che rientra nell’ambito delle libertà inviolabili costituzionalmente garantite. 22 E’ opportuno segnalare che nel 1999 è stato emanato il D.lg. 23 luglio, n. 242, intitolato: “Riordino del Comitato olimpico nazionale italiano - C.O.N.I., a norma dell'articolo 11 della l. 15 marzo 1997, n. 59”. 22 “I diritti di libertà, alla pari di ogni altra specie di diritti, non possono sottrarsi all’imposizione di limiti, richiesti dall’esigenza di assicurare la coesistenza pacifica delle varie sfere di autonomia rilasciate ad ogni soggetto e l’ordinato svolgimento della vita collettiva. “ Di questo avviso: Costantino Moratti, in “Istituzioni di diritto pubblico” Cedam Pavia,1969,p. 950 e ss.

Anteprima della Tesi di Luca Scoponi

Anteprima della tesi: La tutela previdenziale del lavoro sportivo, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luca Scoponi Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1964 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.