Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie competitive nel settore della nautica da diporto. Il caso Rancraft

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

originati da diverse tecnologie, siano funzionalmente sostituibili, costituendo una situazione di concorrenzialità reciproca economicamente rilevante. Potrebbe succedere, inoltre, che la stessa tecnologia può materializzarsi in prodotti del tutto estranei sotto il profilo del confronto concorrenziale. Il terzo criterio si basa sull’individuazione di una serie di fattori unificanti tanto per la struttura dell’offerta che per quella della domanda. I prodotti/servizi possono essere analizzati in base ai seguenti criteri: 1. concentrazione e frammentazione dell’offerta; 2. concentrazione della domanda e sua tipologia; 3. canali distributivi; 4. rilevanza delle economie di scala; 5. integrazione del ciclo produttivo; 6. importanza dell’innovazione; 7. etc. A seconda del caso concreto, poi, i vari fattori presi in considerazione possono essere utilizzati diversamente, privilegiando gli aspetti che appaiono strutturalmente più significativi. Questo modo di affrontare il problema presenta il vantaggio di una notevole flessibilità operativa, ma comporta dei rischi. Infatti, visto che, a causa di una eccessiva variabilità dell’impostazione, ogni singolo elemento si propone con diverse gradazioni, si richiede un’accorta valutazione nella determinazione del peso da assegnare a ciascun settore. 27 E’ d’uopo la precisazione che i diversi sistemi di classificazione delle imprese ai fini della definizione del settore risultano essere inevitabilmente convenzionali. L’impresa, o l’eventuale altro diverso operatore che si accinge all’analisi del settore, deve sempre aver presente le convenzioni aggreganti stabilite all’inizio dello studio; il trascurare questo elemento farebbe perdere di significatività gli ipotetici confronti successivamente effettuati. 27 Sull’argomento vedasi: Volpato, Concorrenza, Imprese e Strategie, Il Mulino, Bologna 1995, Cap.2

Anteprima della Tesi di Nicola Dario

Anteprima della tesi: Strategie competitive nel settore della nautica da diporto. Il caso Rancraft, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Nicola Dario Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16449 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 71 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.