Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo di un apparato strumentale per il rilevamento di grandezze radiometriche ambientali integrato con un sistema di acquisizione di coordinate geografiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Rilasci da impianti Specie nei Paesi dell’Est, quali Russia, Kazakhstan, Ucraina, ecc..., sono stati effettuati rilasci programmati e sono accaduti incidenti ad impianti nucleari che hanno causato la dispersione nell’ambiente di quantità significative di materiali radioattivo. La quantità e i radionuclidi rilasciati dipendono dal tipo di installazione coinvolta e dalle cause dell’evento. Ad esempio nel caso di incidenti a reattori nucleari, tra gli elementi di maggiore rilevanza radiologica (per es. 238 Pu, 3 H, 90 Sr, 241 Am, ecc...) vi sono numerosi gamma emettitori (per es. 95 Nb, 131 I, 133 Xe, 137 Cs, 134 Cs, ecc…) [7]. Tra questi, sui lunghi periodi di tempo, il 137 Cs costituisce un buon indicatore di contaminazione ambientale in quanto caratterizzato da una elevata sezione d’urto di produzione e dall’emissione di fotoni di energia facilmente rivelabile. Alterazioni radiometriche ambientali sono state osservate anche in aree presso giacimenti uraniferi (con liberazione di 222 Rn e 226 Ra) o di accumuli radioattivi post- produzione [8]. Anche in questo caso la presenza di intensi gamma emettitori tra i prodotti di decadimento del 226 Ra consente di utilizzare la radiazione gamma quale indicatore di contaminazione Ricadute radioattive Alcune delle regioni dei Paesi sopra citati sono state usate come poligoni per test nucleari fino a tutti gli anni ‘70 e risultano tuttora contaminate. Anche in questo caso, a seguito dei fallout, oltre a 3 H, 14 C, 90 Sr, 95 Nb, 95 Zr, ecc... la presenza di 137 Cs è riscontrabile a distanza di anni con l’uso di rivelatori di radiazione gamma [2][9].

Anteprima della Tesi di Paolo Angelo Carneglia

Anteprima della tesi: Sviluppo di un apparato strumentale per il rilevamento di grandezze radiometriche ambientali integrato con un sistema di acquisizione di coordinate geografiche, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Paolo Angelo Carneglia Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1939 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.