Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le strategie competitive nel settore lattiero caseario. Il caso Auricchio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 PRESENTAZIONE La genesi del settore industriale cremonese si fa risalire tradizionalmente all'affermarsi del progresso tecnico in agricoltura e quindi con la preminenza per le attività di trasformazione, soprattutto alimentare, legate all’esistenza di cospicue produzioni del settore primario cremonese, verso il quale si sono poi indirizzate anche le attività di produzione di mezzi tecnici, da quelli meccanici, dei mangimi e fertilizzanti, prodotti dalla nascente industria, e ai servizi ad essi collegati. Il comparto di gran lunga più importante del settore dell'industria alimentare è dunque quello lattiero caseario; e questo sia perché il latte prodotto in provincia è trasformato per circa la metà in caseifici locali, sia perché, nel contesto produttivo agricolo lombardo, la provincia di Cremona è la maggiore produttrice in assoluto di latte con una quota pari a un quinto. Inoltre il latte costituisce la derrata agricola principale che da sola contribuisce al 55% della produzione lorda vendibile provinciale di origine animale e al 45% di quella totale. Il comparto lattiero caseario assorbe il 22% degli addetti del settore agro-alimentare, mentre il numero degli stabilimenti di trasformazione del latte rappresenta meno del 10% del numero delle unità locali agro-alimentari. Ne consegue che anche la dimensione media di queste, pari a 20 addetti, risulta sensibilmente elevata nel panorama delle imprese manifatturiere cremonesi. Perciò questa tesi si concentrerà principalmente su questo settore, che così caratterizza ed influenza l’area in cui da sempre vivo. In questa zona, quindi, AURICCHIO rappresenta l’azienda simbolo che opera nel settore principale. Inoltre è rimasta una delle poche aziende di livello internazionale nel panorama cremonese ad avere ancora una propria identità ed un legame con il territorio. Se pensiamo infatti alle altre famose industrie alimentari del cremonese (Negroni, Sperlari), sono tutte state vendute ad acquirenti esterni; l’AURICCHIO, dal canto suo, non è mai stata ceduta dalla famiglia, ma anzi, prosegue la tradizione di azienda a conduzione familiare. Sarà inoltre interessante

Anteprima della Tesi di Alessandro Iride

Anteprima della tesi: Le strategie competitive nel settore lattiero caseario. Il caso Auricchio, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Iride Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4388 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.