Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'emigrazione ed il frontalierato in provincia di Sondrio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 mondiale, avevano preso la decisione di trasferire nella tranquilla Valtellina le loro attività, per cui per gli abitanti della zona si aprivano nuove prospettive lavorative. La provincia di Sondrio, però, resta immune da scontri e bombardamenti solo fino all’8 settembre 1943 quando, con l’occupazione tedesca, comincia una sanguinosissima guerra civile le cui conseguenze sono disastrose. I rifornimenti di sale e zucchero diventano problematici, così come quelli di materie prime necessarie al funzionamento di taluni impianti industriali, la benzina manca quasi del tutto, il carbone scarseggia ed i prezzi salgono alle stelle. Nell’immediato dopoguerra, le quotazioni dei prodotti di largo consumo risultano perciò aumentate, rispetto al 1938, in misura variabile tra le 25 e le 45 volte 34 . Comunque, alla fine del conflitto, la provincia di Sondrio risulta relativamente risparmiata rispetto ad altre zone d’Italia. 1.5.1. L’agricoltura Con l’inizio del nuovo secolo, la provincia di Sondrio si presenta con tutti i caratteri di conversione produttiva ormai avviati, anche se in stato ancora embrionale. Dal punto di vista dell’agricoltura, la zootecnia ha compensato la pressoché totale scomparsa della bachicoltura. Questo settore, infatti, vede aumentare in modo consistente il numero degli animali, soprattutto bovini, che, nel 1930, raggiungono la punta massima di 47000 capi (nel 1861 erano meno di 34000) 35 . La popolazione valtellinese rimane ancora legata all’agricoltura, anche se in questi anni comincia il suo graduale processo di integrazione con la produzione regionale, prima, e nazionale, poi. Nel periodo precedente la prima guerra mondiale, la crisi agricola si fa sentire in provincia: l’aumento dei prezzi ostacola le esportazioni di prodotti serici e zootecnici ed incide negativamente anche il maggior costo sostenuto per l’acquisto dei cereali, merce che in valle veniva importata. 34 De Bernardi L., Lineamenti dello sviluppo, cit. 35 Rullani E., cit.

Anteprima della Tesi di Maddalena Schiantarelli

Anteprima della tesi: L'emigrazione ed il frontalierato in provincia di Sondrio, Pagina 16

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maddalena Schiantarelli Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1428 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.