Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'emigrazione ed il frontalierato in provincia di Sondrio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Capitolo 1 L’ECONOMIA VALTELLINESE DALL’UNITA’ D’ITALIA AL SECONDO DOPOGUERRA 1.1. Cenni storici La Valtellina e la Valchiavenna hanno storicamente vissuto periodi complessi e drammatici. Queste valli, infatti, in epoche passate hanno rivestito una notevole importanza strategica e commerciale grazie al fatto che al loro interno transitavano alcune fra le più importanti vie di comunicazione sulla direttrice Nord-Sud Europa: il valico dello Spluga, la via Mala, il passo del Settimo, la via Priula, il passo San Marco, il passo del Maloja, il passo del Muretto, il passo dell’Aprica, il valico del Bernina, il passo di San Giacomo e la Strada Imperiale 1 . Per questo motivo, il territorio dell’attuale provincia di Sondrio ha sempre attirato l’attenzione delle potenze straniere che, nel corso dei secoli, si sono alternate con la propria presenza politico-militare, spesso con gravi danni per le popolazioni locali. Già a partire dal tardo Impero Romano, le strade dello Spluga e del Settimo furono segnate sugli itinerari ufficiali e le invasioni barbariche coinvolsero tutta la zona delle Alpi Centrali. In realtà, i romani sottomisero questa zona solamente con Augusto, intorno al 16/15 a.C., “quando gli abitanti della Valtellina erano forse i Vennonetes” 2 . Con l’ingresso nella romanità, l’attuale provincia di Sondrio assunse quell’organizzazione che sarà alla base del suo successivo sviluppo, anche se non scomparvero mai del tutto i ricordi legati ai tempi precedenti, nella lingua e nelle consuetudini del settore agricolo e pastorale. Nel secolo VI, per la prima volta, compare il nome di Valtellina che deriva dall’antico centro urbano di Teglio situato “sulla sponda soliva tra Sondrio e Tirano” 3 e che significa appunto “Valle di Teglio”. 1 Guicciardi C., “Sintesi strutturale della provincia di Sondrio”, in: C.C.I.A.A. di Sondrio, Valtellina e Valchiavenna rivista della Camera di Commercio di Sondrio, numero speciale sullo sviluppo dell’economia provinciale, aprile 1998. 2 Antonioli G., Perotti G., Le tracce della storia, in: Comunità Montane di Bormio, Tirano, Sondrio, Morbegno, Valchiavenna, Conoscere la Valtellina e la Valchiavenna, Officine Grafiche De Agostini, Novara, 1990, p. 13. 3 Guicciardi C., cit.

Anteprima della Tesi di Maddalena Schiantarelli

Anteprima della tesi: L'emigrazione ed il frontalierato in provincia di Sondrio, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maddalena Schiantarelli Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1428 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.