Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studi di proteomica sulla cultivar di grano duro Simeto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 terminale principalmente con struttura ad α-elica, 13 ricca di cisteine e contenente la maggior parte degli amminoacídi carichi. 18-21 Le α/β- gliadine contengono sei residui cisteinici e danno luogo alla formazione di tre ponti disolfuro intramolecolari. Analogamente, la sequenza ammimoacidica delle γ-gliadine può essere suddivisa in tre regioni (Fig.3): la regione N-terminale costituita generalmente da dodici residui con struttura secondaria a β-turns, 22 seguita da una regione ripetitiva basata sulla successione della sequenza polipeptidica Pro-Gln-Gln-Pro-Phe-Pro-Gln, ed infine la regione C- terminale non ripetuta, che presenta una struttura secondaria ricca in α- eliche, 23 con pochi residui di prolina ma contenente tutte le cisteine e la maggior parte degli amminoacidi carichi. Tutte le γ-gliadine contengono otto residui cisteinici responsabili della formazione di quattro ponti disolfuro intramolecolari. Le ω-gliadine, infine, hanno pesi molecolari, dedotti da misure di SDS- PAGE, compresi tra i 40 e 70 kDa. L’80% del totale degli amminoacidi è costituito da glutammina, acido glutammico, prolina e fenilalanina. La loro caratteristica principale è l’assenza di residui cisteinici nella struttura primaria. 24

Anteprima della Tesi di Leda Occhipinti

Anteprima della tesi: Studi di proteomica sulla cultivar di grano duro Simeto, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Leda Occhipinti Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4034 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.