Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le dichiarazioni dei bambini nei casi di sospetto abuso sessuale. Raccolta e valutazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 temporale tra i concetti di “competenza” e di “credibilità”, comporta necessariamente che un testimone ritenuto “non competente” non possa essere, allo stesso tempo, considerato “credibile”. Sulla definizione di attitudine a testimoniare e sui criteri di valutazione della stessa c’è accordo tra gli autori (Di Cori e Sabatello, 2000; AACAP, 1997, tabella n. 1; Nurcombe, 1986, tabella n.2); essenzialmente: a) il bambino deve capire quanto gli viene detto e richiesto; b) essere in grado di ricordare le informazioni collegandole con altre; c) esprimerle in una visione complessa e, soprattutto; d) deve saper discernere tra “verità” e “bugie”. Tabella n. 1 - Criteri per la valutazione della competenza a testimoniare del bambino. (AACAP, 1997) • La capacità di percepire accuratamente i fatti; • La capacità di rammentare e richiamare; • La capacità di discernere tra verità e menzogna, tra fantasia e realtà (di comprendere l’obbligo di dire la verità) • La capacità di comunicare sulla base della conoscenza personale dei fatti. Tratta da Di Cori R. – Sabatello U. (2000) Vere e false denunce: il bambino tra memoria di abuso e abuso di memoria, in Maltrattamento e abuso all’infanzia, 2 (3), 79 – 111. Tabella n. 2 -Criteri per la valutazione della competenza a testimoniare del bambino. (Nurcombe, 1986) • Registrare, richiamare e descrivere eventi in modo affidabile; • Distinguere tra verità e menzogna; • Comprendere l’obbligo di dire la verità Tratta da Di Cori R. – Sabatello U. (2000) Vere e false denunce: il bambino tra memoria di abuso e abuso di memoria, in Maltrattamento e abuso all’infanzia, 2 (3), 79 – 111. Durante una prova testimoniale il minore è soggetto a forte ansia per la rievocazione di un evento per lui traumatico in un contesto estraneo e, nei casi di abuso intrafamiliare, è anche lacerato, da un lato, dal desiderio di far cessare una situazione divenuta per lui insostenibile rivelando l’abuso,

Anteprima della Tesi di Daniela Quarello

Anteprima della tesi: Le dichiarazioni dei bambini nei casi di sospetto abuso sessuale. Raccolta e valutazione, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Daniela Quarello Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11425 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.