Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Neotecnologie e contemporaneità. Per una grammatica della testualità digitale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Università IULM - Dottorato di ricerca - XV ciclo Le letterature, le culture e l'Europa: storia, scrittura e traduzioni Federico Pellizzi, Per una grammatica culturale della testualità digitale - Cap. I 14 Capitolo I Neotecnologie e contemporaneità 1. Informatica e discipline umanistiche Dopo decenni di preannunci e promesse l’informatica ha indubbiamente fatto ingresso su larga scala nel territorio della ricerca umanistica. Tuttavia, mentre alcune discipline, come la storia e la linguistica, 1 già abituate a lavorare con «dati» formalizzati, hanno potuto avvalersi di una cospicua mole di applicazioni su base empirica, e riflettere sui risultati e sui fallimenti, la ricerca letteraria si è trovata già in partenza di fronte a problemi seri di ordine teorico, culturale, organizzativo e istituzionale che hanno ritardato la diffusione di una pratica comune o anche solo di un atteggiamento più pragmatico nei confronti di strumenti che pure sono entrati ampiamente nella nostra vita quotidiana. Per molti anni quindi la sperimentazione e la riflessione sono state affidate a un gruppo ristretto di studiosi, e quando, verso la metà degli anni Novanta, si sono create le basi per la diffusione del «demotico digitale», per usare un’espressione di Lou Burnard, 2 le realizzazioni nel campo letterario erano pochissime, e prevalevano i prototipi e le simulazioni di possibili realizzazioni. Da questo punto di vista a tutt’oggi la situazione non è molto cambiata, però è cambiato l’atteggiamento istituzionale, a livello europeo e nazionale, come dimostrano i seminari sulle Politiche di coordinamento dei programmi nazionali 1 Si veda Storia & Computer. Alla ricerca del passato con l’informatica, a cura di S. Soldani e L. Tomassini, Milano, Bruno Mondadori, 1996; Rolando Minuti, Internet et le métier d'historien, Paris, PUF, 2002; A. Zampolli, La linguistica computazionale, in G. Gigliozzi, R. Mordenti e A. Zampolli, La bella e la bestia (Italianistica e Informatica), Torino, Tirrenia Stampatori, 2000. 2 L. Burnard, Dalle «due culture» alla cultura digitale: la nascita del demotico digitale, in «il verri», Nella rete, maggio 2001, n. 16, pp. 9-22.

Anteprima della Tesi di Federico Pellizzi

Anteprima della tesi: Neotecnologie e contemporaneità. Per una grammatica della testualità digitale, Pagina 11

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Istituto di Arti, Culture e Letterature comparate

Autore: Federico Pellizzi Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1191 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.