Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Collaborare senza mai vedersi: il telelavoro in una virtual organization transnazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

e non sono mutuamente esclusive: cercano piuttosto di raccogliere esaustivamente le definizioni che del proprio lavoro forniscono gli intervistati. Nel caso specifico dei Subcontractors di VD, la questione si fa ulteriormente complicata, in quanto la forma di telelavoro che essi praticano può essere ascritta alle categorie b, c e d. Infatti, essi generalmente stipulano un contratto (b) con diverse agenzie di traduzione, lavorano principalmente a casa ricevendo e spedendo traduzioni via email, per cui si potrebbe dire che il loro è un home business (c), e sono autonomi (d), cioè non dipendono da nessun superiore. Questa multiappartenenza, oltre a rendere evidente le difficoltà di inquadrare la varietà delle forme che il telelavoro può assumere, impedisce di trovare una corrispondenza numerica con i dati del suddetto sondaggio, tale da fornire una stima attendibile dell’entità del fenomeno studiato, nel contesto americano. D’altro canto, per le finalità di questa introduzione, ciò che conta è rilevare la forte crescita del fenomeno del telelavoro nel suo complesso 5 , e plausibilmente anche di questa sua particolare forma, che forse più di altre riesce ad avvantaggiarsi delle nuove tecnologie, senza incappare negli svantaggi tipici del telelavoro dipendente (employee): sensazione di scarso controllo da parte dei Fonte: Nielsen NetRatings. 5 È ben vero che le voci sull'evoluzione del telelavoro sono discordanti: in un recente articolo in proposito apparso sul sito dell'International Telework Association & Council, il più autorevole organo americano in materia, si dice: "Molti articoli sui mass media, da ottobre [2000] innanzi forniscono un'immagine piuttosto negativa del telelavoro [in USA] — alcuni concludendo che il telelavoro sta perdendo popolarità. Certa stampa negativa può aver tratto ispirazione da dati forniti da agenzie di analisi di mercato che fanno riferimento a diverse definizioni della popolazione di telelavoratori. A seconda di come si taglia la torta, è possibile concludere che i numeri del telelavoro stanno crescendo rapidamente o calando continuamente. (…) In realtà, i numeri dei telelavoratori dipendenti stanno crescendo, come emerge dai dati della ricerca ITAC Q3 2000 e da altri dati industriali. Il trend è chiaro: il telelavoro come possibilità è vivo e vegeto." (Dicembre 2000,

Anteprima della Tesi di Paolo Brunello

Anteprima della tesi: Collaborare senza mai vedersi: il telelavoro in una virtual organization transnazionale, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Paolo Brunello Contatta »

Composta da 290 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1163 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.