Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Collaborare senza mai vedersi: il telelavoro in una virtual organization transnazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Grice raffinerà questo concetto arrivando a formulare il principio di cooperazione 6 , ma soprattutto enuncerà le due condizioni fondamentali che permettono l’indicazione e la conferma — in una parola, la negoziazione — del significato nel contesto di una conversazione: ! Il significato che attribuisco alla tua azione consiste in quello che credo sia la tua intenzione nel compierla. ! Il significato che tu attribuisci alla tua stessa azione non consiste solo in ciò che tu intendi con essa, ma anche nell’intenzione che tu ritieni io possa attribuirti. Questi due principi fondano la teoria del significato in Harré (Harré, 1994), ma a questa stessa “fonte” si abbeverano, più o meno assiduamente e/o dichiaratamente, l’interazionismo simbolico di G. H. Mead, la cosiddetta seconda cibernetica di Bateson (Bateson, 1972), la metafora drammaturgica di Goffman (Goffman, 1959), l’etnometodologia di Garfinkel, la psicologia culturale di Bruner (Bruner, 1990), la relazione tra audience e generi narrativi di Rorty (Rorty, 1994). 6 È una sorta di imperativo morale del comunicatore: "Fa' che il tuo contributo alla conversazione sia tale, quale è richiesto, allo stadio in cui avviene, dallo scopo o orientamento accettato dello scambio linguistico in cui sei impegnato." (Grice, 1967, in Sbisà, 1979: 204). Di seguito egli sviluppa le massime ideali che dal principio discendono e che ne costistuiscono garanzia; memore di Kant, Grice le raggruppa secondo le seguenti categorie: Quantità: 1. Dà un contributo tanto informativo quanto è richiesto (per gli scopi accettati dello scambio linguistico in corso) 2. Non dare un contributo più informativo di quanto è richiesto. Qualità: 1. Non dire ciò che credi essere falso. 2. Non dire ciò per cui non hai prove adeguate. Relazione: 1. Sii pertinente. Modo: 1. Evita l'oscurità di espressione. 2. Evita l'ambiguità. 3. Sii breve (evita la prolissità non necessaria). 4. Sii ordinato nell'esposizione. (Grice, 1967, in Sbisà, 1979: 205)

Anteprima della Tesi di Paolo Brunello

Anteprima della tesi: Collaborare senza mai vedersi: il telelavoro in una virtual organization transnazionale, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Paolo Brunello Contatta »

Composta da 290 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1163 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.