Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema formativo e il formatore in Inghilterra. Elementi di comparazione con l'Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 dell’educazione, formatore gestore o formatore manager che funge da collegamento tra il sistema di formazione e il sistema organizzativo di cui fa parte ed infine formatore consulente processista. Quest’ultima figura è la più specificamente formativa insieme a quella del formatore metodologo; é competente nella gestione dei fattori di processo che intervengono nell’apprendimento degli adulti. Va precisato, al riguardo, che il processo formativo è caratterizzato da quattro momenti importanti consistenti nell’analisi dei bisogni, nella conseguente progettazione, nell’erogazione del servizio ed infine nella verifica dei risultati. A fronte delle figure professionali individuate dalla dottrina, così come sopra descritto, il CCNL siglato nel 2002 ha codificato le stesse in funzione di due aree funzionali rispettivamente individuate nella progettazione-valutazione- promozione e nella erogazione dei servizi. Nella prima area funzionale si individuano le figure del progettista, del valutatore e del promotore., mentre nella seconda sono inserite quelle del formatore, del formatore tutor, dell’orientatore e del coordinatore. Tutte le figure di contratto richiedono il possesso di idoneo titolo di studio (diploma di suola secondaria superiore integrato da corsi formativi o laurea). Quanto ai settori operativi di competenza del formatore, egli sviluppa la sua attività sia in ambito di prima formazione professionale diretta ai giovani in uscita dalla scuola dell’obbligo sia nell’ambito della formazione continua. In tale contesto lo stesso finalizza la sua attività per il mantenimento, l’aggiornamento ed il perfezionamento delle conoscenze con il precipuo scopo di prevenire l’espulsione dal mercato del lavoro e/o di favorire il miglioramento professionale del lavoratore. L’elaborato si conclude ponendo a confronto sia i sistemi di istruzione e di formazione vigenti nei due Paesi, sia le figure operanti nel settore della formazione. Il confronto tra i due sistemi evidenzia preliminarmente il primo motivo di scostamento individuato nella diversa durata della scuola dell’obbligo che in Inghilterra coincide dal 1988 con il 16° anno di età mentre l’ Italia comincia ora ad adeguarsi alla recente normativa (legge n. 9/1999) che fissa al 15° di età l’obbligo scolastico ed al 18° quello formativo. Una fondamentale differenza di carattere generale vede invece il sistema inglese variamente articolato nell’intero Regno Unito e permeato da notevole pragmatismo, flessibilità, modularità

Anteprima della Tesi di Federica Busato

Anteprima della tesi: Il sistema formativo e il formatore in Inghilterra. Elementi di comparazione con l'Italia, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Federica Busato Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3424 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.