Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il marketing degli stadi di calcio in Europa: il caso dell'Amsterdam Arena

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Il regolamento della Lega calcio prevede alcune norme fondamentali per gli stadi di serie A. In particolare: 1) la capienza non deve essere inferiore ai 20.000 posti, anche se il numero consigliato è di 30.000; 2) l'impianto deve avere solo posti a sedere e non sono ammesse, salvo deroghe, tribune provvisorie; 3) devono essere garantiti 100 posti per la tribuna stampa, oltre ad una serie di disposizioni specifiche per la sala stampa e per le postazioni televisive; 4) ci sono diverse norme di sicurezza da rispettare, sia per il pubblico che per i giocatori, tra cui: la recinzione del campo non deve essere inferiore ai 2.20 metri; deve essere presente il tunnel o il sottopassaggio per difendere i giocatori; il fossato intorno al campo di gioco deve avere una profondità minima di 2.50 metri. La direttiva europea 57/92 in materia di sicurezza, aveva già evidenziato, più di dieci anni fa, il ruolo del soggetto organizzatore o meglio del titolare dell’attività, delegandolo quale responsabile della sicurezza. Tale indicazione dell’Unione Europea, pur recepita dalla legislazione nazionale, è stata disattesa nella realtà dagli stadi italiani, progettati e realizzati senza programmi di gestione e senza mai interpellare le società sportive. I dati sono allarmanti: “ […] il 19% degli stadi dalla A alla C risulta agibile salvo delega; il 38% agibile con prescrizione; solo il 43% è in regola. […] Mancano recinti, divisori, un rifacimento dei sistemi di accesso a spalti e campo, un’area di pronto soccorso, senza dimenticare le vie di fuga non sempre rispettate per i disabili. Una situazione insostenibile, concausa dell’aumento degli episodi di violenza e di teppismo: in totale + 260% nella stagione 2001/2002, soprattutto nelle serie inferiori”. 5 All’escalation di violenza registrata negli anni passati in Italia, si è cercato di porre un freno con due decreti legge, il 336/2001 e il più recente 28/2003, nuova edizione del precedente. Il primo decreto aveva dato buoni frutti nel 2001, ma in sede di conversione di legge, il testo era stato modificato in quanto sospettato di incostituzionalità, rischio evitato dal Governo nel secondo decreto adottando una definizione più puntuale di “flagranza differita”, che scatta qualora vengano acquisiti elementi dai quali emergano gravi, precisi e concordi indizi di colpevolezza: in pratica per le forze dell’ordine, è possibile, in occasione di eventi sportivi, arrestare i violenti entro 36 ore (il 336/2001 ne prevedeva 48) dal compimento del reato. 5 MARANI M., Grandi stadi, è ora di aprire i cantieri privati, in IlSole24OreSport, n. 3 anno 4, p. 5

Anteprima della Tesi di Francesco Cuzzupoli

Anteprima della tesi: Il marketing degli stadi di calcio in Europa: il caso dell'Amsterdam Arena, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Francesco Cuzzupoli Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7608 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 44 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.