Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Corte Penale Internazionale: potenzialità e limiti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 successo. 19 dei 22 imputati sono stati condannati, di cui 12 a morte, durante il processo principale contro i maggiori esponenti del regime. La problematica di questi processi però sta nella dubbia legittimazione del tribunale nell’ambito del diritto internazionale. Essendo stato creato a hoc e non da un ente sopranazionale, bensì da quattro stati ostili allo stato di cui gli imputati erano cittadini. L’IMT viene per questo spesso visto più come un tribunale di vendetta che come un tribunale di giustizia. L’IMT faceva uso della legge anglosassone (Common Law), poco conosciuta ai difensori degli imputati, la documentazione non veniva fornita tempestivamente ai difensori e spesso era affetta da errori di traduzione ecc, mentre il Tribunale di Tokio si basava unicamente su una proclamazione speciale del Comandante Supremo delle forze alleate nell’estremo oriente, il Generale Douglas McArthur. Lo statuto della corte non fu dunque soggetto a negoziazione bensì costituiva un atto unilaterale statunitense. La parzialità intrinseca dei due tribunali del dopoguerra nei quali le potenze vincitori istruirono procedimenti a hoc contro le potenze dell’asse risultò in una giustizia dei vincitori che tolse molto valore a questi precedenti. Inoltre va ricordato che questi tribunali furono istruiti con il preciso fine prestabilito di condannare gli esponenti sotto giudizio senza tener conto

Anteprima della Tesi di Max Friedrich Blanck

Anteprima della tesi: La Corte Penale Internazionale: potenzialità e limiti, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Max Friedrich Blanck Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3006 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.