Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le teorie dichiarate e le pratiche delle partnership locali. Il caso S.O.N.A.R.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 1.4 La composizione dei partenariati E’ chiaro che queste domande si riferiscono a un nodo cruciale del fenomeno dei partenariati, laddove la loro capacità di incorporare e orchestrare partners diversi per natura, scopi e interessi è una caratteristica decisiva per l’elaborazione di un comune progetto operativo per affrontare problematiche complesse e trasversali (che attraversano cioè le sfere del sociale, dell’economia e delle politica). Si possono analiticamente distinguere 5 categorie di partners in base agli interessi che rappresentano (Geddes, 2000): 1) Settore pubblico: tale categoria è ulteriormente suddivisibile in settore pubblico locale e settore pubblico regionale e nazionale. I partners di questo settore sono quelli presenti nella maggioranza delle partnerships (vedi grafico 1, riferito a uno studio su 86 partnerships contro l’esclusione sociale svoltisi in diversi paesi europei nel corso degli anni ’80 e ‘90), con un ruolo che spesso è centrale nello svolgimento delle partnerships stesse e che include funzioni di conduzione e controllo; 2) Settore privato/imprenditori: la partecipazione di tali partners è stata nel tempo fortemente sostenuta sia dalle Istituzioni Europee che con una certe enfasi da alcuni singoli paesi (come la Gran Bretagna).Anche se sono presenti in circa metà delle partnerships, l’impegno di tali partners si risolve in molti casi in una partecipazione più formale che concretamente operativa. I motivi che spingono alla partecipazione sono molto eterogenei: dallo sviluppo di interessi commerciali su larga scala a motivi di ricerca di prestigio in ambito locale; 3) Associazioni sindacali: nonostante l’impegno dell’Unione Europea nel coinvolgimento attivo di tali partners essi sono presenti all’incirca in solo un terzo delle partnerships.La loro presenza è maggiore in quei paesi in cui l’influenza dell’Unione Europea è più forte e in quelle partnerships che hanno come materia di interessi fenomeni di disoccupazione;

Anteprima della Tesi di Ivano Visconti

Anteprima della tesi: Le teorie dichiarate e le pratiche delle partnership locali. Il caso S.O.N.A.R., Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Ivano Visconti Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 579 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.