Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli impianti di teleriscaldamento per lo sviluppo sostenibile. Analisi del caso di Cavalese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 – Fonti e approvvigionamenti di materie prime 11 Tabella 1.1.2.b Ripresa annuale prevista della fustaia Ripresa annuale prevista cormometrica (mc) Vol.rami e cimali relativo alla ripresa (mc) Ripresa annuale prevista dendrometrica (mc) 526555 85302 611857 Un fattore addizionale che entra in gioco nel quadro valutativo delle masse residue è la corteccia degli alberi ad alto fusto che raggiunge valori non trascurabili, ma che, con gli attuali sistemi di taglio ed esbosco viene usualmente inserita nei prodotti derivanti dai processi di lavorazione in segheria. Tuttavia, nella ricerca di tutte le disponibilità usufruibili, si ritiene opportuno trattare anche questo sottoprodotto nelle fasi proprie della lavorazione in bosco: fino a pochi anni fa, infatti, i tronchi venivano scortecciati in bosco. Al giorno d’oggi, invece, con la diffusione delle scortecciatrici, l’operazione viene sempre più spesso effettuata nei punti di concentramento del legname, su adeguati piazzali, oppure direttamente in segheria. Facendo sempre riferimento alle percentuali valutate, anche per questa parte dell’albero, dalle tavole di cubatura delle piante forestali della Regione Trentino Alto Adige e considerando come base di calcolo la ripresa annuale dei boschi, si possono ricavare, (tabella 1.1.3), le quantità di corteccia teoricamente sfruttabili, tenendo conto che la sua percentuale rispetto al volume cormometrico è valutata pari al 10% per l’abete bianco e l’abete rosso, al 20% per il larice, al 15% per il pino silvestre e al 5% per il faggio. Tabella 1.1.3 Volume della corteccia Incremento corrente totale (mc) % corteccia (mc) Vol.corteccia relativo all’increm. (mc) Ripresa annua prevista (mc) Vol.corteccia relativo alla ripresa (mc) 945894 11,6 109724 526555 61080

Anteprima della Tesi di Patrizia Vida

Anteprima della tesi: Gli impianti di teleriscaldamento per lo sviluppo sostenibile. Analisi del caso di Cavalese, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Patrizia Vida Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6991 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.