Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli impianti di teleriscaldamento per lo sviluppo sostenibile. Analisi del caso di Cavalese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 – Fonti e approvvigionamenti di materie prime 9 Il resto è formato da boschi di produzione (evoluzione controllata), per i quali è previsto un regolare e cadenzato utilizzo attraverso il programmato prelievo di masse legnose, quantificato e qualificato operativamente secondo precisi criteri silvicolturali. La proprietà è per il 76% pubblica e registra le maggiori quantità di massa e di produzioni forestali. Nell’ambito della proprietà privata non esistono, salvo pochi casi, dimensioni fondiarie ed interessi che sostengano razionali forme di gestione e di produzione. Il bosco pubblico è tutto soggetto al diritto d’uso civico, perciò l’ente proprietario deve garantire le disponibilità di legna per i censiti, ovviamente secondo le possibilità di prelievo indicate dal piano di assestamento forestale. 1.1.2 Disponibilità forestali Per passare all’individuazione delle masse vegetali di risulta è necessario capire la differenza tra volume cormometrico e volume dendrometrico di una pianta. Il primo è dato dal tronco della pianta con esclusione dei rami e del cimale, il secondo è quello che comprende anche questi ultimi. La differenza tra i due quantifica quindi il volume di biomasse, o meglio, fitomasse destinabili a scopi energetici, il cui calcolo è stato basato sui rilievi appositamente effettuati in occasione dell’elaborazione delle tavole di cubatura per la Regione Trentino Alto Adige. Esse hanno fornito valori medi per ciascuna specie forestale, indicando le percentuali da adottare per passare dal volume cormometrico a quello dendrometrico. I risultati, riportati in tabella 1.1.1, indicano per una percentuale media del 16,3% per i cimali e le ramaglie riferita al volume cormometrico per le specie abete rosso, abete bianco, larice e pino silvestre, e del 15% per il faggio e le altre latifoglie.

Anteprima della Tesi di Patrizia Vida

Anteprima della tesi: Gli impianti di teleriscaldamento per lo sviluppo sostenibile. Analisi del caso di Cavalese, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Patrizia Vida Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6991 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.