Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione efficace della ricchezza ''risorse umane'' come fattore di sviluppo organizzativo e vantaggio competitivo: il contributo dell'intervento formativo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 movimento ed elaborarono un modello per la definizione dei tempi predeterminati: il modello MTM. Inoltre, in particolare Lillian Gilbreth rafforzò l'interesse per gli aspetti umani del lavoro e per la selezione, il collocamento, l'addestramento del personale dipendente, per la sicurezza e la salubrità nei luoghi di lavoro, per il valore della persona. Con Henry Ford (1926) il taylorismo raggiunge la massima maturità. Henry Ford poggia la sua impresa su due assi portanti: il sistema manifatturiero americano e lo Scientific Management. Egli dà inizio alla produzione del "modello T"; applica la teoria di Taylor, dà vita alla catena di montaggio, ottimizza i tempi. Il fordismo scopre il mercato di massa e il consumismo e la Ford risulta essere l'impresa più integrata al mondo. 1.2.2- La fase delle relazioni umane La scuola delle Relazioni Umane non introduce un nuovo modello esplicito di organizzazione, ma propone una critica alla concezione classica del fattore umano, sviluppando delle tecniche per superare certe disfunzioni, quali basso morale, resistenza al cambiamento e bassa produzione (nasce verso la fine degli anni '20 come psicologia industriale). La crisi del modello tecnicista avviene soprattutto ad opera dei pre-ergonomi inglesi e della ricerca condotta da Elton Mayo. Mayers (anni '20 - '30) è considerato lo studioso più autorevole tra gli psicotecnici e i pre-ergonomi inglesi. Le ricerche attuate dagli psicotecnici inglesi diventano particolarmente attive ed utili durante la prima guerra mondiale per focalizzare l'attenzione sull'incremento dell'efficienza e la riduzione della fatica, anche grazie ai contributi di Antonio Mosso, fisiologo italiano che ha dedicato grande impegno allo studio delle curve di fatica e di efficienza. I ricercatori, dopo un attento studio sulle pause lavorative, approdano ad una scoperta che avrebbe messo in crisi alcuni punti cardine del taylorismo: la monotonia industriale.

Anteprima della Tesi di Lara Marelli

Anteprima della tesi: La gestione efficace della ricchezza ''risorse umane'' come fattore di sviluppo organizzativo e vantaggio competitivo: il contributo dell'intervento formativo, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Lara Marelli Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 20355 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 82 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.