Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione efficace della ricchezza ''risorse umane'' come fattore di sviluppo organizzativo e vantaggio competitivo: il contributo dell'intervento formativo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 1.2- Le teorie organizzative 1.2.1- La fase classica Le teorie classiche hanno contribuito all'elaborazione di un modello ideale di organizzazione esclusivamente formale. Il loro fine era quello di mobilitare in modo ottimale le risorse materiali ed umane dell'organizzazione inserendo razionalità e prevedibilità. Per quanto riguarda l'organizzazione classica si possono individuare alcuni principi generali: - principio scalare o gerarchico: è necessario che sia ben chiara la "piramide aziendale", caratterizzata da un'attenta burocrazia; - unità di comando: in un'organizzazione classica è necessario che ciascuno sappia esattamente da chi è comandato; - principio d'eccezione: nel momento in cui l'organizzazione si trova di fronte ad una situazione insolita si deve ricorrere al soggetto con più alto potere decisionale; - ambito di controllo: in un'organizzazione è necessario che colui che controlla/comanda/gestisce conosca l'ambito nel quale esercita la sua funzione; - specializzazione organizzativa: più un'organizzazione si evolve e cresce e più essa tende a specializzare le proprie funzioni; - accentramento/decentramento: è necessario che in un'organizzazione vi sia la distinzione tra responsabilità/compiti che sono di diretta funzione dell'amministrazione centrale e quelle che possono essere decentrate. L'elaborazione del primo modello organizzativo è da attribuire ad Henry Fayol (1973). Fayol gettò le basi della dottrina direzionale moderna con un contributo di fondamentale importanza, ossia la divisione delle funzioni all'interno di un'organizzazione ("Amministration Industrielle et Generale", 1973): le operazioni tecniche, le operazioni commerciali, le operazioni finanziarie, le operazioni di contabilità, le operazioni di sicurezza, le operazioni di direzione, di tipo organizzativo e di autorità.

Anteprima della Tesi di Lara Marelli

Anteprima della tesi: La gestione efficace della ricchezza ''risorse umane'' come fattore di sviluppo organizzativo e vantaggio competitivo: il contributo dell'intervento formativo, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Lara Marelli Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 20355 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 82 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.