Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Terra: uno spazio di vita. Il caso di Corumbà

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Con l’entrata in crisi di questo modello economico, nel corso degli anni Ottanta del secolo scorso, si formano diversi movimenti sociali sorti con l’obiettivo di contestarlo e combatterlo, col sogno di eliminare la povertà e la disuguaglianza. In questo quadro rientrano le sommosse popolari promosse dal MST, Movimento dei lavoratori rurali senza terra. Con quest’argomento si entra nel secondo capitolo della tesi che verte appunto intorno al MST. Questo viene presentato a livello nazionale, per sottolineare la forza e la capacità di esigere ed ottenere un cambiamento dalle autorità politiche, contribuendo a provocare la caduta della dittatura militare. In campo economico si ottenne il raggiungimento di risultati apprezzabili attraverso la conquista di molte terre che erano state privatizzate dal latifondo. Il movimento ha, infatti, l’obiettivo di riunire ed organizzare famiglie che non possiedono nulla e che, senza un pezzo di terra da coltivare, patirebbero la fame nelle favelas delle città, o emigrerebbero di continuo da una regione all’altra in cerca di fortuna. Il MST, innalzando il vessillo della riforma agraria, persegue due grandi mete: una redistribuzione della terra, accompagnata da tutte le garanzie necessarie per vivere degnamente, e la costruzione di una società nuova, che offra eguali condizioni di partenza, con l’eliminazione del latifondo ed il ritorno dei beni alla loro originaria destinazione. In altre parole, il Movimento esige una vera mutazione sociale, a livello politico, economico, culturale e religioso. La denominazione esatta del MST è ‘Movimento dei lavoratori rurali senza terra’, e non ‘dei contadini’, perché la parola ‘contadino’ viene usata dai latifondisti. L’uomo dei campi non definisce mai se stesso un contadino, ma piuttosto un agricoltore o, appunto, un lavoratore rurale. Pur tenendo presente tale

Anteprima della Tesi di Licia Onofri

Anteprima della tesi: Terra: uno spazio di vita. Il caso di Corumbà, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Licia Onofri Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1251 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.