Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il capitalismo italiano negli anni Novanta

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 L’analisi dello Sme parte dal 1979, data di partenza del sistema fino alla crisi valutaria del 1992, quando l’Italia decide di uscirne fuori. In particolare vengono analizzate le motivazioni che spingono l’Italia ad aderire al Patto e le conseguenze che tale adesione ha sull’economia italiana. Il secondo paragrafo si occupa delle privatizzazioni, dai primi tentativi non andati a buon fine dei primi anni Ottanta fino alla dismissione del patrimonio dell’Iri e la sua conseguente liquidazione. Nell’appendice A viene trattata la privatizzazione e la riforma del sistema bancario italiano dal 1992 al 1998. Nel terzo paragrafo si delineano le manovre poste in essere per aderire alla moneta unica ed i riflessi che hanno sull’economia italiana. Tutto il primo capitolo ha il ruolo di introdurre e far conoscere il sistema economico italiano nella sua evoluzione storica, al fine di poter analizzare le particolarità dei <> e di come si inseriscono in questo contesto. Il secondo capitolo sviluppa in maniera esauriente il tema centrale della tesi, ossia chi sono i <>, perché emergono e quali sono le caratteristiche che li differenziano dagli altri operatori sul mercato.

Anteprima della Tesi di Emanuele Di Giorgi

Anteprima della tesi: Il capitalismo italiano negli anni Novanta, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Emanuele Di Giorgi Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2029 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.