Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La certificazione di qualità del travertino romano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I. La storia del Travertino Romano. 9 quello “Laziale”. I tufi “antichi”, rappresentati dalla varietà “granulare”, talora a struttura vacuolare per asportazione delle leuciti alterate, e dagli orizzonti a pomicette bianchicce (il cosiddetto “granturco”), affiorano e scompaiono per brevi tratti. Del complesso piroclastico, che rappresenta le distinte fasi esplosive del Vulcano Laziale, sono prevalentemente sviluppate la “pozzolana rossa” e il “tufo litoide da costruzione”. Lo spessore della pozzolana è variabile fra 1 e 12 m; andando verso est, però, l’appoggio della pozzolana sui tufi antichi non è più visibile, mentre si osserva sempre la copertura del tufo litoide, saltuariamente con l’intermediario del conglomerato giallo e della pozzolana grigia e nera. Il tufo litoide rosso riaffiora spesso sotto al travertino in alcune cave. Riassumendo si può dire che tutte le collinette, che seguono l’arco esterno del bacino, hanno un nocciolo di sabbie gialle plioceniche o calabriane, avvolto dalle pozzolane rosse, a cui generalmente succedono altri tufi, soprattutto gli inconfondibili banchi di tufo litoide. Le rocce effusive sono rappresentate dalla leucitite normale, sono prevalentemente permeabili. 1.2.1 Il complesso travertinoso Si chiama complesso “conglomeratico-travertinoso-tartaroso” quella unità stratigrafica che, pur potendo differire localmente per i suoi diversi elementi litologici, intesi in senso stretto e per particolari aspetti della loro genesi, costituisce tuttavia una formazione caratterizzata, prevalentemente, dal deposito chimico di carbonato di calcio più o meno puro, talora misto a materiale clastico più o meno grossolano. La formazione è di origine mista: alluvionale o chimico-lacustre da acque fredde, chimica da depositi di acque termo-minerali.

Anteprima della Tesi di Christian Cotognini

Anteprima della tesi: La certificazione di qualità del travertino romano, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Christian Cotognini Contatta »

Composta da 325 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3389 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.