Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La certificazione di qualità del travertino romano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I. La storia del Travertino Romano. 2 l’atmosfera, quando l’acido carbonico libero si sprigiona in seguito alla decomposizione del bicarbonato. I primi precipitati sono talora accompagnati da altri minerali quali bassanite, gesso, zolfo. Dalle acque termominerali precipita un materiale ad alto tenore di stronzio e a bassissimo residuo insolubile, che forma delle masse notevolmente porose e permeabili. Nel caso di precipitati aragonitici, non appena il materiale non è più a contatto con le acque “madri”, si verifica una pressochè istantanea trasformazione in calcite accompagnata dalla perdita di circa metà dello stronzio inizialmente presente. Si stabilisce, quindi, una circolazione, anche di tipo carsico, delle acque vadose che inizialmente si limitano ad una parziale dissoluzione della calcite primaria e, successivamente, precipitano nelle parti sottostanti una calcite a tenori meno elevati di stronzio. Questo ciclo si ripete ad ogni livello della serie e pertanto si forma, nelle parti più basse, un materiale più povero di stronzio per la precipitazione di calcite più pura e a bassa porosità per l’occlusione di quella primaria da parte della calcite secondaria e del residuo insolubile. Durante la precipitazione del carbonato, nel sedimento rimangono inglobati resti vegetali (foglie, ramoscelli) e animali (frammenti di ossa). La composizione paleontologica è molto ricca: si tratta di microfauna terrestre e di acqua dolce tipica di clima temperato freddo, Aegopis italicus e Helix Pachyphallus ligata (gli ostacodi sono tipici di acque poco profonde). La successiva decomposizione e dissoluzione dei resti organici conferisce al travertino l’aspetto poroso e spugnoso. Esistono casi in cui il processo evolutivo descritto non può verificarsi o essere ridotto al minimo. Ad esempio, da acque a bassissimo residuo fisso si originano i livelli di “onice” di calcite. Questo tipo di materiale è caratterizzato da una porosità quasi nulla che lo rende praticamente impermeabile. Il materiale resta pertanto escluso da

Anteprima della Tesi di Christian Cotognini

Anteprima della tesi: La certificazione di qualità del travertino romano, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Christian Cotognini Contatta »

Composta da 325 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3389 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.