Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'adozione dei piani di ''stock option'' in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 • eventuali tasse sulle operazioni in questione si applicano in pari misura su tutti gli operatori, pertanto l’operazione si considera fiscalmente neu- tra; • non esistono limitazioni per la vendita allo scoperto dei titoli. Se tali assunzioni sono verificate, è allora possibile creare, in qualsiasi momento, un portafoglio di investimenti che abbatti i rischi connessi all’opzione posseduta. Il valore dell’opzione, avente le caratteristiche sopra indicate, è espres- so dalla seguente formula 7 : W = X e^-qt N(d) – C e^-rt N(d’) Dove: W valore dell'opzione X prezzo del titolo sottostante all'epoca della valutazione C prezzo di esercizio dell'opzione q dividendo atteso, espresso percentualmente sul valore del titolo t tempo mancante alla scadenza dell'opzione r tasso degli investimenti senza rischio e^-rt ed e^-qt fattori di attualizzazione continua, per un tempo pari a t N(d) ed N(d') funzioni probabilistiche denominate di normale distribuzione cumulativa, applicate ai logaritmi delle grandezze. Esse misurano la probabilità che il valore del titolo si mantenga superiore al prezzo di esercizio dell'opzione Sulla base della formula presentata, il valore dell’opzione è uguale alla differenza tra valore corrente del titolo sottostante (attualizzato ad un tasso pari al dividendo atteso) e prezzo di esercizio (attualizzato in base ad un tasso rappre- sentativo degli investimenti senza rischio); entrambe le grandezze sono inoltre moltiplicate per la probabilità che il valore del titolo sia superiore al prezzo di esercizio 8 . 7 La formula presentata è quella risultante dalle successive integrazioni del modello originale elaborato da Black e da Scholes. 8 Meo C. (2000), “I Piani di Stock Option: aspetti gestionali, valutativi e contabili”, CEDAM.

Anteprima della Tesi di Sara Bonetta

Anteprima della tesi: L'adozione dei piani di ''stock option'' in Italia, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sara Bonetta Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6598 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.