Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'adozione dei piani di ''stock option'' in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 CAPITOLO 2 - CARATTERISTICHE 2.1 ASPETTI PROCEDURALI Esaminiamo ora quali sono le fasi e gli adempimenti procedurali necessari per l’approvazione di un piano di azionariato indirizzato ai lavoratori dipendenti 9 . La predisposizione del piano – La predisposizione del piano con la definizione delle sue condizioni, contenuti e modalità di attuazione è curata dagli amministra- tori o dal Consiglio di Amministrazione, che può costituire al suo interno un apposito comitato incaricato di eseguire tutte le analisi e stime ritenute necessarie per la redazione del piano e di raccogliere, inoltre, tutte le informazioni sulla probabilità di successo del piano tra i dipendenti e sugli effetti positivi dello stesso per la gestione e lo sviluppo dell’impresa. L’informazione da assicurare ai dipendenti – Accade frequentemente che la logica incentivante implicita in un piano di Stock Option non venga compresa facilmente dai destinatari, soprattutto quando il piano è rivolto indistintamente a tutti i dipen- denti. Appare quindi essenziale, o quantomeno opportuno, per l’efficace esecu- zione del piano assicurare un’informazione adeguata ai lavoratori che ne sono i destinatari. Una chiara e trasparente informazione può, infatti, accrescere le pro- babilità di un buon esito dell’operazione. Nessun riferimento esplicito a un onere di informazione si riviene nella nostra normativa per le azioni non quotate, mentre per le azioni quotate nei mercati regolamentari devono essere osservate le regole generali contenute nel Testo Unico in materia di intermediazione finanziaria (D.Lgs. del 24 febbraio 1998, n° 58) in tema di sollecitazione del pubblico risparmio, che esigono una dettagliata informativa tanto all’organo di vigilanza (Consob), quanto al pubblico dei rispar- miatori. 10 9 Andreani G. (2002), “Fringe Benefit e Stock Option”, EGEA. 10 L’argomento verrà approfondito nel capitolo 9.

Anteprima della Tesi di Sara Bonetta

Anteprima della tesi: L'adozione dei piani di ''stock option'' in Italia, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sara Bonetta Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6599 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.