Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'adozione dei piani di ''stock option'' in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 strumento delle Stock Option aveva avuto una limitata diffusione, in particolare per i dubbi interpretativi legati al trattamento fiscale. Negli ultimi tempi, invece, i piani di Stock Option sono stati oggetto di una significata riscoperta, sull’onda delle nuove favorevoli disposizioni previdenziali e tributarie (D.lgs. 2 settembre 1997, n. 314). Nel dicembre 1999, tuttavia, il legislatore è nuovamente intervenuto a correggere la materia con disposizioni restrittive, attraverso il decreto legislativo 23 dicembre 1999 n. 505 e le conseguenti modifiche al Testo Unico delle Imposte sui redditi (D.P.R. n. 917 del 22 dicembre 1986). Più recentemente, con il collega- to fiscale del dicembre 2000, le agevolazioni previste per l’assegnazione di piani azionari ai dipendenti diventano accessibili anche agli amministratori di società, i sindaci e, più in generale, per tutti coloro che hanno rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, anche se con un vincolo: alle Stock Option avranno accesso solo quei collaboratori che non possono ricondurre l’attività nell’ambito della collaborazione abituale. Un’indubbia attenzione nei confronti del fenomeno delle Stock Option è stata, inoltre, dimostrata sia dalla Consob sia dall’Unione Europea. La realizzazione di un piano di incentivazione ai dipendenti pone la ne- cessità di verificare se la stessa realizzi o meno una forma di sollecitazione al pubblico risparmio, alla quale si ricollegano specifici obblighi di informativa nei confronti della Consob. La normativa attuativa del Testo Unico dell’Intermediazione Finanziaria individua e disciplina espressamente le ipotesi che costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, individuando altresì i casi in cui, invece, non trova applica- zione la normativa in materia di sollecitazione e nei quali, quindi, vengono meno gli obblighi di informativa alla Consob. Le Stock Option, in quanto strumenti relativamente nuovi, non sempre vengono considerati positivamente, per tale motivo è molto importante che il modo in cui vengono impiegate sia il più possibile trasparente. L’informazione è, infatti, elemento essenziale dei mercati finanziari maturi, sopratutto quando si ha a che fare con strumenti sufficientemente recenti.

Anteprima della Tesi di Sara Bonetta

Anteprima della tesi: L'adozione dei piani di ''stock option'' in Italia, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sara Bonetta Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6599 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.