Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problemi e prospettive della disciplina delle banche popolari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 per le banche di credito cooperativo ma anche per le banche popolari 15 . In tal caso il localismo non è da intendersi quale caratteristica della specialità dell’impresa bancaria, come per le banche di credito cooperativo, ma solo come indicazione dell’operatività del nuovo ente e dei legami che questo deve intrattenere con la clientela residente nell’area territoriale di riferimento. Nelle società per azioni bancarie, il fenomeno del localismo resta confinato nella mera operatività, in un’ottica di concorrenza tra enti bancari, mentre per le banche popolari continua a caratterizzare ampiamente anche i rapporti con la clientela. Il merito e il successo del modello “banca popolare” va individuato nella funzione di condivisione e di sostegno che questi istituti hanno saputo apportare alla parte più vitale e creativa del panorama economico locale del paese: quella dell’imprenditoria legata al territorio 16 . 1.4 La specificità delle banche popolari La specificità delle banche popolari può essere colta partendo dall'analisi del modello di proprietà e controllo che caratterizza tali imprese bancarie. In generale l’attenzione all'importanza del modello proprietario nella spiegazione delle performance e dello sviluppo, positivo o negativo, della vita delle imprese è relativamente recente, soprattutto in Italia 17 . L’intuizione di fondo di tale attenzione è immediata: l’efficienza di una azienda dipende, a parità di altre condizioni, da chi e come gestisce tale unità produttiva; la fisionomia dell’imprenditore e le sue possibilità di azione, a loro volta sono, nel medio-lungo periodo, determinate dalle regole del gioco relative ai diritti di proprietà e alle possibilità di esercitare il controllo. Se la banca è “impresa”, l’importanza delle regole relative alla proprietà e al controllo emergerà sempre più anche in questa industria, al di là delle sue specificità 15 Fauceglia, “Esiste ancora il localismo delle banche popolari?”, Bancaria, 1995, n. 11, p. 66. 16 Vigorelli, “Una vita da banchiere. Popolare”, Il Mondo, 2002, giugno. 17 Barca, Imprese in cerca di padrone. Proprietà e controllo nel capitalismo italiano, Bari, Laterza, 1994.

Anteprima della Tesi di Carolina Deandrea

Anteprima della tesi: Problemi e prospettive della disciplina delle banche popolari, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Carolina Deandrea Contatta »

Composta da 148 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2622 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.