Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problemi e prospettive della disciplina delle banche popolari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 macroeconomiche piuttosto che l’efficienza gestionale e allocativa delle singole banche. Nell’ambito del diritto bancario negli ultimi quindici anni si è assistito ad un’attività legislativa molto intensa. Sono entrati in vigore un’ottantina di provvedimenti. Questi provvedimenti sono stati raccolti nella nuova legge bancaria, entrata in vigore il 1° gennaio del 1994. Le principali modifiche che la nuova legge ha apportato possono essere così sintetizzate: à l’attività bancaria ha carattere d’impresa e come tale deve sottostare alle regole della concorrenza. Il Testo unico affianca alla cultura della stabilità, la cultura della concorrenza sempre anteponendo, tuttavia, la tutela del risparmio, cardine assoluto dell’ordinamento; à si introduce una nuova filosofia della vigilanza e della regolazione basata su controlli prudenziali; à si attua la privatizzazione del sistema bancario. Da un sistema rigidamente governato al centro si è passati ad un sistema più libero e concorrenziale, in cui spetta alle forze di mercato auto-organizzarsi e scegliere la propria missione. Una concezione del sistema bancario meccanicistica è stata sostituita da un’impostazione evoluzionistica e dinamica 5 . Coerentemente con l’obiettivo di incentivare lo sviluppo delle cosiddette “banche universali”, che sono in grado di offrire una gamma completa di servizi e di prodotti, e di superare la “specializzazione istituzionale”, dettata dalla normativa del 1936, si è proceduto a una drastica riduzione delle categorie giuridiche in cui erano precedentemente suddivisi i vari istituti bancari e da cui discendevano le peculiari capacità operative. In pratica si è riordinato il sistema bancario sostanzialmente sotto due principali categorie giuridiche, sulla base del loro assetto proprietario: le società per azioni e le cooperative per azioni a responsabilità limitata. Nella seconda specie 5 Affinito - Reviglio, Banche d’Italia, Milano, Il sole 24 ore, 1998.

Anteprima della Tesi di Carolina Deandrea

Anteprima della tesi: Problemi e prospettive della disciplina delle banche popolari, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Carolina Deandrea Contatta »

Composta da 148 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2622 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.