Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Visione artificiale stereometrica e navigazione autonoma di un veicolo per l'esplorazione spaziale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 Introduzione 1.1 L’esplorazione spaziale La conquista dello spazio da parte dell’uomo e´ ufficialmente cominciata nel 1957 con il lancio della prima sonda spaziale russa, lo Sputnik. Questo even- to segno´ di fatto l’inizio di una nuova era di scoperte e di conquiste che si e´ evoluta in un susseguirsi di missioni, alternate tra americani e russi, che han- no permesso di ottenere come primo traguardo immagini della parte oscura della Luna (1959, sonda russa Luna) e che sono in seguito culminate nel 1961 con la figura di Yuri Gagarin, primo uomo a navigare nello spazio per ben un’ora e 48 minuti a bordo della navicella Vostok 1 a 326 Km di quota. I traguardi raggiunti sono stati solo l’inizio, ed il presupposto, di nuove e piu´ tecnologicamente avanzate missioni, che hanno portato l’uomo a calcare il suolo lunare (16 luglio 1969, missione Apollo 11) e che hanno permesso di inviare sonde ai confini del nostro sistema solare. E´ tra il 1972 ed il 1973 che inizio´ il viaggio del Pioneer 10 e del Pioneer 11, prime sonde a superare la fascia di asteroidi con destinazione Giove e Saturno (del quale hanno permesso la scoperta di nuovi anelli), ed e´ datata 1976/77 l’inizio dell’avventura delle due sonde Voyager, che hanno permesso di scoprire nuovi satelliti appartenenti ai pianeti esterni. I progetti spaziali si sono in seguito focalizzati sull’esplorazione planetaria, con l’invio di sonde non piu´ finalizzate all’esplorazione globale del sistema solare, ma progettate per l’analisi dei singoli pianeti. Fra questi il piu´ studiato e bersagliato e´ stato il pianeta rosso, Marte, sul quale nel 1997 e´ atterrato il primo veicolo autonomo adibito all’esplorazione planetaria: il Sojourner.

Anteprima della Tesi di Giovanni Giardini

Anteprima della tesi: Visione artificiale stereometrica e navigazione autonoma di un veicolo per l'esplorazione spaziale, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Giovanni Giardini Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1202 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.