Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunione dei beni: dalla primitiva comunità cristiana al mercato economico e all'Economia di Comunione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo 9 1.2 I destinatari dell’annuncio di Gesù. Ma a chi parlava Gesù nella sinagoga di Nazareth? Cosa pensavano i suoi ascoltatori? Qual era il loro concetto di Dio e del Regno? Mi sembra indispensabile rispondere a queste domande, per cogliere la portata storica dell’annuncio di Gesù e per capire quali rivolgimenti sociali possa causare il Regno da lui inaugurato. Certamente gli ascoltatori erano Ebrei, Israeliti, figli di Abramo. 3 Nella loro tradizione, quella biblica e giudaica, Dio è buono, benigno e misericordioso, libera gli oppressi, dà il pane agli affamati, difende i piccoli, gli orfani e gli indifesi come le vedove e lo fa attraverso gli uomini stessi. Dio inoltre, lo stesso Dio di cui Maria ha poi cantato «ha ricolmato di beni gli affamati» (Lc 1,53), già nell'Antico Testamento pensa ad una società senza nessun bisognoso e promette che così sarà, ma vuole che ciò si realizzi per mezzo degli uomini stessi, con il suo aiuto naturalmente. Il libro del Deuteronomio è molto chiaro in proposito: «Del resto, non vi sarà alcun bisognoso in mezzo a voi; perché il Signore certo ti benedirà nel paese che il Signore tuo Dio ti dà in possesso, purché tu obbedisca fedelmente alla voce del Signore tuo Dio, avendo cura di eseguire tutti questi comandamenti che oggi ti do» 3 Per capire a fondo la portata rivoluzionaria del pensiero di Gesù occorrerebbe analizzare dettagliatamente la condizione economico-sociale del suo popolo e la tradizione ebraica in proposito. Per esigenze di spazio non posso però dilungarmi molto in questa sede e do solo alcuni cenni.

Anteprima della Tesi di Francesco Tortorella

Anteprima della tesi: La comunione dei beni: dalla primitiva comunità cristiana al mercato economico e all'Economia di Comunione, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Teologia

Autore: Francesco Tortorella Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5714 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.