Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forme e strutture del musical: il caso anglo-americano e quello italiano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 più o meno costante di effetti speciali, nelle dissolvenze e tanti altri trucchi atti ad impressionare e stupire lo spettatore) ma, soprattutto, per le figure che ne garantiscono i processi produttivi. Le figure del regista, autore e compositore sono infatti supportate da un sistema organizzativo imponente, coordinato dal ruolo del produttore che garantisce i contatti con potenziali investitori, organizzando speciali serate ed inviti durante i quali sarà resa pubblica la lettura del testo e delle partiture musicali. La figura del produttore è importante per una prima valutazione delle possibilità commerciali di un progetto, in vista delle spese di allestimento, talvolta davvero ingenti. Raggiunta la cifra necessaria a coprire almeno i costi iniziali si passa alla ricerca dello staff creativo, che deve essere accuratamente selezionato e molto affiatato (per questo motivo spesso si torna a lavorare con le stesse persone e si creano vere e proprie collaborazioni che possono dare avvio a ‘compagnie’) e poi degli interpreti, cioè gli attori-cantanti-ballerini. Il grande fascino del Musical, che lo discosta, invece, dal Cinema è che tutti devono sostenere un provino, mentre nel Cinema le parti vengono solitamente assegnate più velocemente, spesso sulla base di precedenti performance degli artisti o su suggerimenti della produzione. Nel musical invece anche le star, sebbene a loro sia concessa un’audizione singola, detta appunto dall’inglese solo audition, devono essere messe alla prova. Il rimanente della compagnia si formerà invece a partire da quelle che, in gergo, vengono chiamate cattle calls 2 , letteralmente raccolte del bestiame, a causa della loro rinomata durezza e rigidità di selezione. D’altra parte si tratta di enormi investimenti ed perciò necessario assicurarsi le migliori risorse disponibili sul mercato, tenendo conto che i posti sono purtroppo un numero fisso da rispettare. La professionalità richiesta (il ciò porta a note lotte durante le audizioni per ottenere un ingaggio e a molta disoccupazione). Va poi aggiunto il fatto che non tutti possono aspirare a tutti i tipi di ruoli: ci sono musical dove i requisiti fisici e tecnici non bastano o comunque non sono sufficienti a garantire il posto e se un cantante, poniamo, con un’ottima estensione vocale sa muoversi bene anche come ballerino, è in grado di soppiantare un altro aspirante che, magari, ha molta più tecnica e precisione nella danza del primo ma non ha sufficienti qualità canore, proprio perché nel musical una dote 2 Il musical “A Chorus Line” porta in scena esattamente il meccanismo sopra descritto di una cattle call a Broadway, ovviamente romanzandola un po’ per esigenze di copione.La trama, in breve, è questa: centinaia di giovani si presentano alle audizioni e devono mostrare le proprie attitudini.Via via il numero degli aspiranti viene ridotto fino a che la parte finale della selezione si trasforma in una gara carica di tensione, anche perché il regista-coreografo pretende pure di ascoltare le storie personali dei singoli, dalla ribalta, come fossero pezzi di teatro. La suspense si prolunga, naturalmente, fino al verdetto finale e c è chi già pregusta gli applausi e chi si rassegna a tentare presso un altro teatro.Il Musical teatrale è di Kirkwood, Dante e Hamlisch ed è datato 1975. Dieci anni dopo assistiamo alla trasposizione cinematografica di Attenborough con tremiladuecento candidati che diventeranno poi i sedici della chorus line, appunto. (SARA VENTURINO, Musical istruzioni per l’uso, Milano, Ricordi 2000, p.172 ) .

Anteprima della Tesi di Stefania Arbini

Anteprima della tesi: Forme e strutture del musical: il caso anglo-americano e quello italiano, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Stefania Arbini Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11104 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 44 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.