Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'intelligence nel XXI secolo: analisi e prospettive

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 E’ evidente che una fonte di questo tipo presenta dei limiti significativi rappresentati, in primo luogo, dall’estremo tecnicismo e dalla notevole difficoltà di utilizzo delle informazioni ricavate, e in secondo luogo, dalla notevole onerosità delle operazioni di ricerca e scoperta, le quali richiedono un supporto professionale continuo e altamente qualificato 23 . Informazioni ottenute attraverso la raccolta, valutazione, analisi e interpretazione di documentazione scientifica e tecnica (Technical Intelligence o TECHINT), allo scopo di ricavare indicazioni utili riguardo alle capacità nel campo della ricerca di base e applicata, nelle tecniche ingegneristiche, nei metodi produttivi, nelle armi e sistemi d’arma dei Paesi oggetto dell’indagine. Informazioni ottenute attraverso il ricorso a fonti aperte a carattere pubblicistico quali giornali, riviste periodiche, trasmissioni radiotelevisive, internet e, più in generale, a qualsiasi altro documento pubblico (Open Source Intelligence o OSINT). A tal proposito, tuttavia, è bene operare una netta distinzione tra la cosiddetta Open Source Information o OSIF e la OSINT di cui sopra. Infatti, la prima consiste in “grandi quantità di informazioni multilingue e multimediali raccolte per essere ulteriormente elaborate e analizzate” 24 , mentre la seconda integra in se quattro fasi: - scoperta: sapere dove cercare è la priorità del processo di OSINT, tenendo presente che “l’80% delle informazioni necessarie è disponibile on-line, anche se non in lingua inglese” 25 ; - distinzione: ovvero “distinguere tra fonti buone e meno buone, fonti attuali e obsolete, rilevanti e irrilevanti e, infine, tra fonti con un buon rapporto costi benefici e fonti con costi proibitivi” 26 ; - distillazione: per sintetizzare efficacemente in uno spazio contenuto “l’essenza della saggezza collettiva e pertinente alla decisione in oggetto” 27 ; - distribuzione: per far sì che l’intelligence prodotta giunga agli utenti finali con rapidità e in un formato facilmente comprensibile. 23 Cfr. Rapetto U. - Di Nunzio R., 2002, op. cit., pp. 16-17. 24 Steele R. D., 2002, op. cit., p. 192. 25 Ivi, p. 193. E’ importante rilevare come l’esigenza di traduzione possa seriamente rallentare il passaggio alle successive fasi di analisi e utilizzo delle informazioni reperite. 26 Ibid. 27 Ibid.

Anteprima della Tesi di Luigi Valentini

Anteprima della tesi: L'intelligence nel XXI secolo: analisi e prospettive, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luigi Valentini Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8068 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.