Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La politica legislativa di Federico II

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 quell’ordine divino fosse stato ripristinato, anche il suo tempo sarebbe stato “compiuto”, e la pax e la iustitia – unico senso dello stato terreno – sarebbero tornate sulla terra come già con Augusto. 6 Giustiniano, l’imperatore del diritto, e Augusto l’imperatore della pace, furono i modelli di Federico; pax et iustitia la formula più volte, e variamente, ripetuta: quella che racchiudeva il significato dello stato terreno. E codesta diade penetra tutto il corpus iuris siciliano, il cui primo e più importante libro è diviso, dopo i decreti introduttivi, in due parti ben distinte: la prima – che tocca la tranquillità pubblica – riguardante la pax, la seconda – che stabilisce l’ordinamento del diritto – la iustitia. Il codice stesso fu poi chiamato dall’imperatore Liber augustalis, e pur essendo stato reso noto nel Settembre 1231, fu datato dal mese di Agosto. 6 Ernst Kantorowicz, “Op.cit.”, pag.209

Anteprima della Tesi di Giovanni Lavecchia

Anteprima della tesi: La politica legislativa di Federico II, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giovanni Lavecchia Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4239 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.