Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nuova disciplina delle invenzioni dei pubblici ricercatori

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 aumentare la concorrenzialità di quest’ultime. La nuova disciplina delle invenzioni dei pubblici ricercatori, nelle intenzioni del legislatore, intende andare in questa direzione 19 . L’ efficienza del trasferimento tecnologico tra ricerca pubblica e mercato si ricollega senza alcun dubbio alla tutela dell’interesse collettivo all’innovazione. Se è vero, infatti, che l’art. 35 della Costituzione tutela il lavoro in tutte le sue <> facendo optare per le ragioni dell’autore, inteso in senso lato, della creazione, è vero anche che l’art. 9 della stessa Carta Costituzionale, tra i principi fondamentali della repubblica pone la promozione della cultura e della ricerca scientifica e tecnica 20 . Il problema della allocazione dei diritti derivanti dalla creazione intellettuale, in particolare dalle invenzioni industriali, incide profondamente su questa finalità. Potremo avere un sistema di trasferimento di conoscenze più o meno efficiente a seconda che la titolarità sia posta in capo a certi soggetti piuttosto che in capo ad altri. E’ questo uno dei nodi fondamentali della nuova disciplina delle invenzioni dei pubblici ricercatori la cui principale novità consiste nell’aver attribuito all’inventore il diritto ad ottenere il brevetto, probabilmente in linea con questo scopo. 19 Per esempio in CESARONI, PICCALUGA. Patenting Activity of european universities. Relevant? Growing? Useful, SPRUnet Conference, Bristol (UK), 21-23 march 2002, gli autori evidenziano sulla base dei dati relativi alla attività degli e.p.r. italiani negli ultimi 20 anni come nel 2001, anno della riforma, si sia avuto un incremento dei brevetti dopo una caduta libera a partire dal 1989. Secondo gli autori << è rilevante collegare questo dato con gli aspetti istituzionali relativi alla legislazione sui brevetti di origine accademica… è noto che in Italia si sta attraversando in quest’ultimo periodo una fase particolarmente vivace con riferimento alla normativa che disciplina i brevetti universitari. L’art. 7, comma 1, L 383/2001 ha introdotto un’innovazione fondamentale…>> 20 Questo aspetto non è certo sfuggito a VANZETTI, DI CATALDO, Manuale di diritto Industriale, seconda edizione, Milano, 1996, pag 364-365, nel quale si critica fortemente l’attribuzione allo Stato delle ricerche finanziate dallo Stato ex art. 3 legge 11 novembre 1986 n. 770. In particolare si dice nel manuale:<>. Il manuale nell’ultima edizione, la quarta, adotta un orientamento di attesa rispetto ai risultati delle nuove discipline sui contratti di ricerca. <>. VANZETTI, DI CATALDO, Manuale di Diritto Industriale, quarta edizione, Milano, 2003, pag. 383

Anteprima della Tesi di Paolo Maddaloni

Anteprima della tesi: La nuova disciplina delle invenzioni dei pubblici ricercatori, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Paolo Maddaloni Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1660 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.