Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Figure femminili tra cinema e letteratura nella Repubblica di Weimar

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 modo di intendere il cinema negli anni dell’espressionismo: «Non c’è dubbio che proprio la costellazione espressionista abbia contribuito a fare del cinema un fattore culturale, a sottrarlo al puro consumo a cui invitavano i primi Kintöppe. Se nel 1909 Max Brod sembra vedere nel cinema nient’altro che una copia del teatro, ne riconosce comunque la diversa fascinazione» 11 . E ancora: «A fare da grande cassa di risonanza per la popolarità degli attori sarà il cinema, che ovviamente attinge al teatro per registi e scenografi» 12 , anche se non tutti gli intellettuali accettano incondizionatamente e subito l’ingresso del nuovo linguaggio accanto alle altre forme di cultura, ma molti, in ogni caso, reagiscono contro un cinema che venga solo incontro a un gusto voyeristico e puramente epidermico e a un bisogno di distrazione superficiale. Per un verso i Kintöppe sono il surrogato del teatro per la «piccola gente» e non a caso anche Alfred Döblin riconosce la necessità del divertimento di massa 13 . Scrittori ma anche scrittrici forniscono materiali e soggetti per il cinema: «Gli esempi di collaborazione diretta tra le arti sono numerosissimi. Gli scrittori compongono [..] soggetti originali per la nuova musa del cinema (Else Lasker- Schüler, Walter Hasenclever, Ludwig Rubiner, Albert Ehrenstein sono presenti tra gli altri nel Kinobuch pubblicato nel 1914 da Kurt Pinthus)» 14 . 11 A. Gargano, Scene, in: P. Chiarini e A. Gargano, La Berlino dell’espressionismo, pp. 169-199, cit., p. 189, Roma, Editori Riuniti 1997. 12 Ivi, p. 182. 13 Cfr. ivi, p. 190. 14 Ivi, p. 137.

Anteprima della Tesi di Laura Di Pietro

Anteprima della tesi: Figure femminili tra cinema e letteratura nella Repubblica di Weimar, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Laura Di Pietro Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6377 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.