Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Marcus Garvey e l'Universal Negro Improvement Association nel periodo statunitense (1919-1927)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 razziale il cui eco risuona tuttora in alcuni ambienti politici afroamericani. Il suo contribuito è stato determinante per lo sviluppo nella comunità nera statunitense di una consapevolezza di razza che se in passato ha permesso ai neri un generale miglioramento della propria condizione oggi costituisce il fondamento ideologico di quei movimenti che si battono in favore dell’uguaglianza sociale. Il presidente dell’UNIA propose agli afroamericani e a tutte le popolazioni nere del mondo una duplice soluzione per risolvere il problema della discriminazione razziale: da una parte la gestione diretta d’imprese ed attività commerciali in modo da garantirsi l’indipendenza economica dai bianchi, dall’altra la creazione nel continente africano di un grande stato libero ed indipendente dalle potenze coloniali europee. Tuttavia la crociata nazionalista e separatista finì per condurre Garvey verso un declino rapido e spettacolare quanto fu la sua stessa ascesa. Le sue contraddittorie scelte politiche lo isolarono e lo contrapposero agli altri capi carismatici della comunità afroamericana, mentre la sua retorica, a tratti violenta ed aggressiva, attirò l’attenzione delle autorità coloniali europee e del Ministero della Giustizia statunitense. Nel 1925 Garvey venne arrestato per frode postale e due anni dopo deportato dagli Stati Uniti. Fu quello un duro colpo per l’UNIA, che si sfaldò in pochissimo tempo, ma soprattutto per il suo presidente che dopo aver tentato più volte di rilanciare il movimento nel 1940 morì in solitudine e dimenticato da tutti. Ciò non sorprende se si pensa che anche nel corso degli anni Venti, nonostante la popolarità tra la comunità afroamericana e la capacità d’attirare nel bene e nel male le attenzioni dell’opinione pubblica statunitense, Garvey era completamente ignorato, oltre che dagli studiosi bianchi, anche dagli intellettuali neri. Quelle rarissime volte che quest’ultimi si riferivano al giamaicano era per sottolinearne l’opportunismo o altri aspetti negativi. Così quando nel 1925 Alain Locke pubblicò in The New Negro

Anteprima della Tesi di Marco Serafin

Anteprima della tesi: Marcus Garvey e l'Universal Negro Improvement Association nel periodo statunitense (1919-1927), Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Serafin Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1618 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.