Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Quando il terzo settore non è solo Onlus: gli enti ecclesiastici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 legge intende valorizzare per riuscire a raggiungere lo scopo prefissatosi della promozione della solidarietà sociale. Gli esempi che si potrebbero citare per far capire cosa sia in concreto il quarto settore sono tanti: prendiamo una famiglia che accudisce da sé in casa un disabile o un anziano non autosufficiente, o il vicino che aiuta una madre o un padre solo ad accudire il figlio. Sono tutte piccole realtà che non possono essere dimenticate perché rappresentano esempi di un tessuto sociale che ancora non si è sbriciolato e non abbandona coloro che, anche all’interno di una famiglia, sono più deboli e per questo potrebbero essere ritenuti un peso Se la legge quadro riconosce al terzo settore questo ruolo attivo nel welfare, bisogna però ricordare che questo non può diventare in tutto un mero sostituto funzionale dello Stato 5 per motivi di convenienza economica (perché, ad esempio, le cooperative sociali costano il 20% in meno di un ente pubblico 6 ) o perché lavora con snellezza anche burocratica. L’ausilio del terzo settore dovrebbe aver luogo per la sua capacità di rispondere con maggiore velocità ai bisogni sociali emergenti e per la sua capacità di adattamento, di trasformazione e di innovazione in una società che cambia sempre più rapidamente. In merito al rapporto tra Stato e privato sociale, ritengo utile riportare un pezzo tratto dal documento “Sulla questione fiscale” elaborato dalla Commissione “Giustizia e pace” della Diocesi di Milano. Si legge nel testo: “ Senza la pretesa di sostituire lo Stato sociale, che costituisce una fondamentale conquista della moderna cittadinanza, il pubblico libero può ricoprire un proprio autonomo spazio che – in collaborazione sia col pubblico che col privato – è in grado di offrire valide risposte, sia in termine di gestione che di partecipazione e responsabilizzazione, ai problemi sempre più differenziati e 5 Lorenzo Ornaghi, Presidente dell’agenzia per le ONLUS, in un’intervista rilasciata per Corriere Lavoro (inserto del Corriere della Sera) di venerdì 24 ottobre 2003. 6 Johnny Dotti, presidente Consorzio Cgm, in un intervento scritto per Vita non profit magazine nel numero del 18 ottobre 2003.

Anteprima della Tesi di Francesca Palei

Anteprima della tesi: Quando il terzo settore non è solo Onlus: gli enti ecclesiastici, Pagina 5

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Francesca Palei Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4382 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.