Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La figura del vampiro nel teatro tra '800 e '900

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 L’Illuminismo e la Rivoluzione francese avevano spazzato via la volgare superstizione, e le nazioni civilizzate non avevano più alcun interesse per larve zannute fuoriuscenti dalla terra. Il vampiro non aveva più bisogno di nascondersi per il semplice fatto che a nessuno importava più niente di lui. A questo punto il suo mito avrebbe potuto estinguersi, spazzato via dal vento del progresso, oppure evolversi. Trattandosi di un mito di così vecchia data, dovette apparire naturale a più di un letterato prendersi a cuore la sua sopravvivenza, preoccupandosi, al contempo, di creare una nuova maschera per i figli delle tenebre del nuovo secolo. Dopo che gli epigoni del genere ebbero aperto la strada, furono molti gli autori di rilievo che vi si cimentarono, almeno in un’ occasione: Théophile Gautier 9 , Guy de Maupassant 10 , Alexis Tolstòj 11 ... Il nuovo mondo aveva accolto il vampiro tra i suoi figli prediletti, e la sua nuova maschera piaceva, piaceva molto ai mortali, anche e soprattutto in virtù delle valenze simboliche di cui era investita. Ma torniamo al teatro del boulevard. Siamo in un epoca in cui teatro è, più che mai, sinonimo di svago e divertimento, un genere di consumo indirizzato ad un pubblico quanto mai vario ed eterogeneo, desideroso di continue novità. Le luci della ribalta si accendono anche sul vampiro, proteggendolo, al contempo, dalla realtà, ed egli, creatura istrionica ed esibizionista per natura, può finalmente prendersi la sua rivincita sul mondo dei vivi. 9 Gautier, Théophile, La morte amoureuse, “La Chronique de Paris”, 23-26 giugno 1836; tr. it. Ornella Volta, La macabra amante, a cura di Vadim, Roger e Volta, Ornella, I vampiri tra noi: 37 storie vampiriche, Milano : Feltrinelli Editore,1960, pp.184-209 10 de Maupassant, Guy, L’Horlà, Hollendorf , Paris, 1887; tr. it. Mario Picchi, Guy de Maupassant, Tutte le novelle, Roma : Casini, 1956, vol. III, pp.123-139 11 Tolstoj, Alexis, La famille du Vourdalak, (1847 ca.), I ed. “Revue des Etudes slaves”, t. XXIV, 1950; tr.it. Ornella Volta, La famiglia del vurdalak, I vampiri tra noi, cit., pp.248-275

Anteprima della Tesi di Federica Soprani

Anteprima della tesi: La figura del vampiro nel teatro tra '800 e '900, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Federica Soprani Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5037 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.