Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La figura del vampiro nel teatro tra '800 e '900

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Il primo capitolo tratta della definizione di “vampiro”, della sua origine storica, e dell’evoluzione della leggenda nel corso dei secoli, fino al dibattito settecentesco e agli studi più recenti. Il secondo capitolo esamina le tre chiavi di lettura del mito: la paura della morte; la sete di sangue; la simbologia sessuale. Riguardo all’ultimo punto, mi soffermo a fare un rapido excursus sui vari generi di amore vampirico desunti dalla letteratura di ieri e di oggi. Il terzo capitolo raccoglie in una bibliografia essenziale quelle che sono considerate universalmente le opere maggiori scritte sull’argomento, da The Vampire di Polidori a Dracula di Bram Stoker, fino a Interview with the Vampire di Anne Rice. Il quarto capitolo, infine, getta uno sguardo sul vampirismo oggi, nelle sue manifestazioni sociali, culturali, religiose. La seconda parte tratta in particolare dello sviluppo del mito vampirico nel teatro a partire dall’800, fino alle produzioni più recenti di questo secolo. La documentazione più completa a riguardo mi è stata fornita dall’accuratissimo studio di Roxana Stuart 12 , che tratta delle trasposizioni teatrali del mito a partire dal 1820, soprattutto in Francia e Inghilterra, e del confronto tra le due principali figure di vampiro portate sulla scena: Lord Ruthven e il Conte Dracula. Il primo capitolo tratta, in generale, del melodramma francese, introducendo, nel capitolo successivo, Le Vampire di Charles Nodier, e le imitazioni e parodie da esso nate. Nel terzo capitolo esamino la situazione del teatro in Inghilterra, per poi soffermarmi sulla tradizione melodrammatica e su The Vampire, or the Bride of the Isles di Planché, The Vampire di Moncrieff ed altri. Col quarto capitolo mi sposto in Germania, con Der Vampyr di Marschner e The Vampire Bride di Blink.

Anteprima della Tesi di Federica Soprani

Anteprima della tesi: La figura del vampiro nel teatro tra '800 e '900, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Federica Soprani Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5037 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.