Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuove sostanze dopanti: effetti sull'organismo e problemi di rilevamento nei liquidi biologici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Aspetti legali In Italia la prima legge definita e dedicata alla prevenzione ed alla lotta al doping è la n. 376 del 14 dicembre 2000, "Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping". Nel testo redatto dal legislatore la definizione di doping è così espressa: "Art. 1, Comma 2: Costituiscono doping la somministrazione o l'assunzione di farmaci o di sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e l'adozione o la sottoposizione a pratiche mediche non giustificate da condizioni patologiche ed idonee a modificare le condizioni psico- fisiche o biologiche dell'organismo al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti. Comma 3: Ai fini della presente legge sono equiparate al doping la somministrazione di farmaci o di sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e l'adozione di pratiche mediche non giustificate da condizioni patologiche, finalizzate e comunque idonee a modificare i risultati dei controlli sull'uso dei farmaci, delle sostanze e delle pratiche indicati nel comma 2". La suddetta legge propone un elenco, completo e definito, suddiviso in 10 classi, di sostanze vietate agli atleti, ed una ulteriore sezione relativa ai metodi di doping (emotrasfusioni, somministrazione di trasportatori artificiali di ossigeno). L’elenco delle sostanze vietate dalla legge italiana, pur basandosi su quello redatto dal C.I.O., risulta alquanto differente soprattutto per una particolare e fondamentale caratteristica. Nell’elenco stilato dal Comitato Olimpico ogni classe di sostanze vietate presenta una parziale lista delle principali molecole e termina con la dicitura "and related substances". Il C.I.O. cioè si riserva di vietare l'assunzione delle sostanze elencate e di tutte le relative affini per struttura ed effetto farmacologico in modo da non permettere all'atleta di ricercare prodotti dopanti a base di molecole 7

Anteprima della Tesi di Gustavo Savino

Anteprima della tesi: Nuove sostanze dopanti: effetti sull'organismo e problemi di rilevamento nei liquidi biologici, Pagina 6

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Gustavo Savino Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3375 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.