Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sylvia Plath - Il mestiere di poetessa. Viaggio nel regno della poesia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 prima del 1956 (cinquanta, ma si tratta solamente di una parte) incluse nell’edizione americana delle Collected Poems. Già in queste poesie classificate come “giovanili” è possibile notare che, fin dall’inizio del suo apprendistato poetico, Plath ha sempre posto al centro delle sue riflessioni artistiche l’atto creativo, l’azione del “fare poesia”. Come è stato più volte giustamente rilevato (in primis proprio da Ted Hughes 2 ), la sua “vocazione” di scrittrice è stata da lei considerata alla stregua di un vero e proprio mestiere, da esercitare in continuazione e che poteva essere appreso e padroneggiato solo dopo un assiduo e costante impegno nella scrittura e nella versificazione. Già ad una prima e veloce lettura di queste poesie si è consci che l’autrice prende molto sul serio l’atto stesso del poetare, nonché il suo ruolo di poetessa femminile; nella poesia Female Author, ad esempio, fin dal titolo esplicitamente volta a questo tema, è presente un’ironica, seppur convenzionale, descrizione dei cliché – tipici di fine ottocento ma ancora vivi in molti ambienti letterari degli anni cinquanta – riguardanti la donna- poeta che, raffinata e voluttuosa, “lies on cushions curled / And nibbles an occasional bonbon of sin.”, “…nurses / Chocholate fancies in rose-papered rooms”, ma che inevitabilmente, nella strofa finale, “…lost in subtle metaphor, retreats / From gray child faces crying in the streets”. Il problema del rapporto tra il poeta e la sua arte, e tra l’artista e il suo tempo, sarà uno dei temi principali della sua esplorazione del regno della poesia, al punto da trovarsi già nella poesia giovanile Notes to a Neophyte, in cui la voce narrante ammonisce un ipotetico poeta neofita a 2 E’ nota la dichiarazione di Ted Hughes su come Sylvia scriveva i suoi versi con il “Thesaurus” sulle ginocchia, cerchiando sistematicamente i termini che le colpivano maggiormente l’immaginazione, per poi usarli nelle poesie.

Anteprima della Tesi di Paolo Simonetti

Anteprima della tesi: Sylvia Plath - Il mestiere di poetessa. Viaggio nel regno della poesia, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Paolo Simonetti Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5228 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.