Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sylvia Plath - Il mestiere di poetessa. Viaggio nel regno della poesia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 scritta, un implicito corollario alla sua opera artistica. Per trovare una spiegazione a un atto che all’inizio sembrava inspiegabile ai più – per via della felice carriera artistica che attendeva la giovane poetessa, con un romanzo e un libro di poesie 3 già pubblicati (con recensioni nel complesso favorevoli) e molte altre pronte per essere pubblicate – furono addotte cause di ogni tipo, dalla malattia mentale alla confusione fatale tra realtà e poesia, al punto che la sua stessa morte è stata interpretata di volta in volta come un gesto di emancipazione ultima, una dichiarazione di fallimento artistico, una ribellione all’autorità patriarcale, finanche un atto di esibizionismo estremo. Ad alimentare la confusione critica contribuì inoltre il modo frammentario e inadeguato in cui il mondo letterario venne a conoscenza delle poesie di Sylvia Plath non pubblicate in vita; le tre raccolte edite postume a distanza di pochi anni dal marito Ted Hughes – Ariel 4 nel 1965, Crossing the Water 5 e Winter Trees 6 nel 1971 – furono organizzate in maniera abbastanza arbitraria e con criteri cronologici approssimativi: vennero tenute in pochissimo conto le date di composizione dei singoli componimenti e furono mescolate o escluse nelle raccolte poesie che, secondo la lista stilata dall’autrice, avrebbero dovuto far parte esclusivamente di Ariel. Queste raccolte hanno non poco fuorviato i critici che si sono trovati di fronte a componimenti molto diversi ed eterogenei tra loro, riuniti però a volte in una stessa antologia e considerati come un unico blocco; se si tiene ad esempio in considerazione il fatto che la raccolta Crossing the Water è stata pubblicata in America con il sottotitolo Transitional Poems, nonostante ne facessero parte poesie che vanno dal 1956 al 1962 – evidentemente comprendenti l’intera durata della carriera 3 Si tratta di The Bell Jar, pubblicato per la prima volta sotto lo pseudonimo di Victoria Lucas nel 1963, e della raccolta di poesie The Colossus and Other Poems, Heinemann, London, 1960; Alfred A. Knopf, New York, 1962. 4 Ariel, Faber & Faber, London, 1965; Harper & Row, New York, 1966. 5 Crossing the Water, Faber & Faber, London, 1971; Crossing the Water. Transitional Poems, Harper & Row, New York, 1971. 6 Winter Trees, Faber and Faber, London, 1971; Harper & Row, New York, 1972.

Anteprima della Tesi di Paolo Simonetti

Anteprima della tesi: Sylvia Plath - Il mestiere di poetessa. Viaggio nel regno della poesia, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Paolo Simonetti Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5228 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.