Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gestire la sfida del lusso: il caso Chimento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione 12 (3) Infine, dal punto di vista della comunicazione l’azienda cerca di veicolare un flusso bidirezionale tra produzione e consumo, per favorirne i reciproci adattamenti nella costruzione dell’identità di marca (considerata come “motore di significazione” e di sviluppo semiotico), oltre che inserendo il gioiello in un contesto di costruzione ludica del sé. Come emergerà più chiaramente dalla ricostruzione della storia della comunicazione aziendale, Chimento ha compreso molto presto la necessità di studiare strategie comunicative adatte a sostenere il suo volersi fare marca. Soprattutto in quest’ultimo quinquennio è emersa la volontà di costruire politiche comunicazionali in grado di coinvolgere il cliente finale, e tale volontà si è concretizzata attraverso importanti investimenti pubblicitari, destinati sia al mercato nazionale che a quello internazionale. Nel corso della storia aziendale gli obiettivi e le forme della comunicazione hanno subito varie evoluzioni, non esenti da alcuni momenti di incoerenza (sia rispetto alle scelte di comunicazione precedenti, sia rispetto ad altre leve di marketing, come la distribuzione), ma –dal 2001 ad oggi- le scelte aziendali si sono strutturate secondo forme particolarmente vicine alla sensibilità del soggetto bricoleur. In particolare, a partire dallo spot TV (inverno 2002-2003) si sono molto accentuate le già presenti tendenze a forme di presentificazione 1 visiva dell’oggetto, oltre alle esplicite suggestioni di un rapporto fortemente fisico e ludico tra il soggetto del consumo ed il gioiello lussuoso. Questi elementi saranno approfonditi con maggiori dettagli ed esempi all’interno del capitolo relativo: è qui sufficiente sottolineare la particolare importanza che riveste questa attenzione alla dimensione comunicativa, soprattutto nel momento in cui questa si colloca all’interno del contesto orafo, tradizionalmente poco propenso allo sviluppo di politiche di marca e di comunicazione (con l’eccezione della comunicazione rivolta al trade). 1 Per una chiarificazione di tale concetto si rimanda al primo capitolo del presente lavoro.

Anteprima della Tesi di Raffaella Marcuzzi

Anteprima della tesi: Gestire la sfida del lusso: il caso Chimento, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Raffaella Marcuzzi Contatta »

Composta da 394 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5029 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.