Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

195 sola circostanza che l’infortunio avvenga durante e nel luogo di lavoro. Per occasione di lavoro devono intendersi tutte le condizioni, comprese quelle ambientali, in cui l’attività produttiva si svolge e nella quale è immanente il rischio di danno per il lavoratore – danno che può provenire dallo stesso apparato produttivo oppure dipendere da fatti e situazioni proprie del lavoratore – e ogni altra condizione ricollegabile in modo diretto o indiretto allo svolgimento dell’attività lavorativa. Il lavoratore, pertanto, non ha diritto all’indennizzo nelle ipotesi di rischio elettivo, cioè quando il rischio è originato da una spontanea e libera scelta del lavoratore stesso che si comporta in modo tale da interrompere qualsiasi connessione con l’occasione di lavoro e da privare l’evento di ogni aspetto di professionalità. L’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro comprende poi anche l’infortunio in itinere e ciò in seguito alla modifica introdotta dal D.Lgs. 38/2000. Ai sensi dell’art. 12 del predetto decreto si intende per infortunio in itinere quello occorso agli assicurati durante il normale percorso: - di andata e ritorno dal luogo di abitazione aquello di lavoro;

Anteprima della Tesi di Giulia Calo'

Anteprima della tesi: La tutela contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giulia Calo' Contatta »

Composta da 203 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 25074 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 74 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.