Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicazione, marketing politico, elettori: le elezioni politiche del 13 Maggio 2001 in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

20 linguistica, semiotica), “la mutevolezza dell’oggetto di studio e la grande varietà di approcci fanno sì che a tutt’oggi non esista una definizione precisa ed univoca di comunicazione politica” (Bentivegna, 2001, p.21). I tentativi di sistematizzazione sono necessariamente tentativi parziali, perché inevitabilmente focalizzano su una faccia della medaglia, anche se non penalizzano necessariamente l’altra. 3.1. LA TELEVISIONE, IL MEDIA PER ECCELLENZA Lo spot, il dibattito e il talk show sono i principali strumenti con i quali il sistema televisivo ha accolto la politica, imponendole di adattarsi ai suoi schemi comunicazionali ma fornendo anche alla politica stessa l’opportunità di ritrovare il contatto con gli elettori, creando una piazza elettronica nella quale tentare di riattivare un dialogo coi cittadini. La nascita “ufficiale” dei dibattiti politici viene collocata nel 1960 a Chicago, con protagonisti i due candidati alla presidenza degli Stati Uniti: Richard Nixon e John Kennedy. Il dibattito di Chicago, primo di una serie di quattro, si tenne in uno studio televisivo con un gruppo di giornalisti, un moderatore e due candidati. La ragione della grande risonanza di questo evento non attiene alle questioni affrontate dai due candidati ma alle immagini che raggiunsero i telespettatori (circa 71 milioni per i quattro dibattiti). Nixon, reduce da una serie di malanni fisici, appariva sullo schermo pallido e con profonde occhiaie. Il suo vestito, di una cupa tonalità grigia, contribuiva a non mettere in risalto la sua figura su un fondale della stessa tonalità di grigio 5 . Infine, il suo lanciare veloci occhiate all’avversario, al moderatore e alla telecamera contribuì a far risaltare il suo disagio per la situazione che stava vivendo. Kennedy, al contrario, indossava un vestito scuro, controllava fisicamente lo spazio dello studio televisivo, sapeva dove guardare quando non aveva la parola: in breve, metteva in pratica quanto aveva appreso nella fase preparatoria del dibattito (Bentivegna, 2001, p.42). 5 Un’immagine assolutamente perdente e ben poco comunicativa: basti immaginare quali polemiche scatenerebbe oggi l’apparizione in tv di un politico esteticamente poco curato.

Anteprima della Tesi di Walter Figaia

Anteprima della tesi: Comunicazione, marketing politico, elettori: le elezioni politiche del 13 Maggio 2001 in Italia, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Walter Figaia Contatta »

Composta da 234 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8799 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.