Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le crisi d'impresa e le problematiche di risanamento. Il tormentato processo di ristrutturazione del Banco di Napoli

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

LA FUSIONE DEL BANCO DI NAPOLI IN S. PAOLO IMI 13 Un alto grado di efficienza ed efficacia può essere raggiunto solo a condizione che tutti i settori e i centri di attività siano razionalmente organizzati oltre che sviluppati in modo equilibrato e compatibile. L’attività direttiva ed organizzativa dovrà essere orientata a tal fine, mirando alla realizzazione di una situazione di armonia, equilibrio e adeguamento ai cambiamenti ambientali. Equilibrio non significa necessariamente livellamento e assenza di situazioni conflittuali, ma armonico sviluppo di dimensioni, attività, mezzi, funzioni, etc. E quando un’attività d’impresa non è tesa al raggiungimento di tale sviluppo equilibrato e armonico, si manifesta una situazione teratistica ovvero un fenomeno caratterizzato da squilibrio, disarmonia e anomalia d’insieme, in altre parole crisi. In particolare, si ha crisi d’impresa quando “si crea uno squilibrio economico-finanziario destinato a perdurare e a portare all’ insolvenza e al dissesto in assenza di opportuni interventi di risanamento”. Una crisi attraversa quattro stadi: una fase preliminare, una acuta, una cronica e una risolutiva. Il momento decisivo è rappresentato dalla fase acuta, dove il confine tra semplice declino e crisi vera e propria è molto labile: durante tale fase la crisi ha sì assunto caratteri gravi e di forte compromissione degli equilibri aziendali, ma non ha ancora raggiunto lo stadio dell’irreversibilità, del punto di non ritorno, dove è inevitabile il fallimento o la liquidazione dell’azienda. È solo nella fase acuta reversibile che è possibile evitare lo spettro della crisi risolutiva, naturalmente dopo un’attenta valutazione delle cause, delle possibilità di rimuoverle e della convenienza economica della loro rimozione. Nessuna organizzazione, nessun processo, organismo o sistema sociale posto in essere dall’uomo è destinato a perdurare e/o funzionare in eterno, né

Anteprima della Tesi di Alessandro Venza

Anteprima della tesi: Le crisi d'impresa e le problematiche di risanamento. Il tormentato processo di ristrutturazione del Banco di Napoli, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Venza Contatta »

Composta da 244 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6968 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.