Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il potere estero delle Regioni - Analisi della dottrina e della giurisprudenza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 In questa ottica, le Regioni risultavano essere delle articolazioni interne dello Stato, senza alcuna rilevanza nel diritto internazionale, poiché è sempre e solo lo Stato a comparire sulla scena internazionale. Una siffatta visione del potere estero come monopolio statale, affondava le sue radici in una interpretazione restrittiva del dettato costituzionale, una tendenza interpretativa avallata, in particolare, dall’argomentazione che insisteva sull’enumerazione delle attribuzioni regionali come criterio ispiratore dei rapporti competenziali tra Stato e Regioni. Se facciamo un piccolo passo indietro e leggiamo l’art. 117, così come strutturato prima della riforma costituzionale del 2001, rileviamo che la Costituzione (così come anche gli Statuti delle Regioni “speciali” 1 ) affida alle Regioni competenze in materie rigidamente elencate 2 , tanto da far, giustamente, sostenere l’impossibilità di un allargamento delle loro competenze motivato da considerazioni di ordine generale e non previsto espressamente da una legge Costituzionale. Questo costituiva un primo, ma decisivo, punto a favore dell’illegittimità di un “potere internazionale regionale”. 1 Art. 3, Statuto Sardegna; art. 2, St. Valle d’Aosta; art. 4, st. Trentino–Alto Adige; art. 3, St. Friuli–Venezia Giulia. 2 L’individuazione delle materie di competenza regionale è un problema di rilevante importanza, il legislatore costituente aveva tre possibilità: enumerazione delle materie di competenza statale (con competenza residua le affidata alle Regioni); enumerazione delle materie regionali; enumerazione delle competenze dello Stato e della regione con una clausola per le eventuali residue. Il criterio dell’enumerazione regionale (detta anche decentrata) corrispondeva maggiormente allo schema dello stato regionale, cosicché sia gli Statuti speciali per le Regioni differenziate, sia la Costituzione per le Regioni ordinarie, hanno adottato il criterio dell’enumerazione delle materie di competenza regionale.

Anteprima della Tesi di Marco Massimiliano Medaglia

Anteprima della tesi: Il potere estero delle Regioni - Analisi della dottrina e della giurisprudenza, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Massimiliano Medaglia Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3073 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.