Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Formazione e contratto di lavoro

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 l’espressione al di là del senso letterale, come comprensiva non solo dei soggetti che hanno già un’occupazione, ma anche di coloro che si preparano ad un’attività lavorativa 28 . In questa prospettiva interpretativa, si ritiene che, tra i destinatari della norma, si debbano includere sia gli adulti “lavoratori” che i giovani in attesa di prima occupazione, con la precisazione che mentre per i primi gli interventi formativi si inseriscono in un quadro di formazione permanente 29 , per i giovani “si tratta di procurare loro l’istruzione e l’educazione che consentono il successo nella vita lavorativa futura” 30 e quindi un tipo di formazione che si specializza per essere indirizzata al primo inserimento. 28 Cfr. Olivelli, Il lavoro dei giovani, Giuffrè, 1981, pp.259-260. Con procedimento interpretativo inverso, ma che perviene al medesimo risultato, Napoli (Il 2° comma, op. cit., p. 890) ritiene che la dizione lavoratori, letta alla luce della direttiva dell’elevazione professionale, serva ad escludere la finalizzazione preminente delle iniziative formative al primo inserimento, sì da ricomprendere tra i beneficiari delle stesse, accanto ai soggetti inoccupati, anche i lavoratori già occupati. 29 Nei confronti dei soggetti già inseriti nella vita professionale, è compito della Repubblica promuovere un tipo di formazione che permetta al lavoratore di progredire nello sviluppo professionale, di adeguarsi a nuove condizioni di lavoro e di garantirsi concrete alternative occupazionali. Cfr. Olivelli, Il lavoro dei giovani, cit., p.76. Vedi anche Garofalo, Formazione e lavoro, cit., p.101. 30 Olivelli, Il lavoro dei giovani, cit., p.76. L’Autore ritiene che la formazione degli adulti e quella dei giovani si collochino su piani differenti, perché mentre “per molto tempo, l’intervento dello Stato a favore degli adulti si è svolto in forme caratteristicamente assistenziali, sì da rientrare nel campo della sicurezza sociale, la formazione dei giovani presenta tali interdipendenze con il sistema scolastico ed educativo, da porsi come materia a sé, soggetta a varie discipline”.

Anteprima della Tesi di Isabella D'ercole

Anteprima della tesi: Formazione e contratto di lavoro, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Isabella D'ercole Contatta »

Composta da 171 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6157 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.